30 apr 2010

RAI: Dal 4 maggio CON ART DAY LA TV DI QUALITA' SBARCA AL CINEMA (fonte ASCA)

(ASCA) - Roma, 22 apr - La televisione di qualita' sbarca al cinema. Per la prima volta i programmi d'arte di Rai Educational dal piccolo passano sul grande schermo.

Il 4 maggio prendera' il via ''Art Day'', il giorno di Art News, al cinema Trevi di Roma dove i film, nati dalla collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali diventano una maratona di 12 ore per un pubblico di spettatori interessati all'arte: tanti, quanti sono i linguaggi per parlare della bellezza. La televisione, dunque, sperimenta nuovi linguaggi per parlare d'arte e il cinema li accoglie: dalla cronaca, con l'instant movie sulla mostra fenomeno ''Caravaggio'' in corso alle scuderie del Quirinale, accolta da un enorme successo, al linguaggio dell'indagine poliziesca sul furto della ''Nativita''', l'opera caravaggesca ostaggio della mafia. E ancora, la docu-fiction con ''Grand Tour'', interpretato da Franco Nero e il volto segreto di un genio con ''Vita privata di Leonardo da Vinci''.... CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO SU ASCA.NEWS  oppure  LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA GIORNATA

Intervista a Monsignor Corradini su Caravaggio (di Egizio Trombetta)

Intervista straordinaria ad un uomo di Chiesa che dedica una parte della sua vita a ricerche in archivio per conoscere più approfonditamente Caravaggio. Corradini è uno dei principali fornitore di documenti agli autori di monografie caravaggesche, ma è anche l’avvocato del diavolo nei di processi d santificazione: ne approfitto, si parla, in esclusiva assoluta, con lui di un argomento spesso considerato TABU’: discutiamo dell’inchiesta propedeutica al processo di santificazione, in corso, di Giovanni Paolo II. Si parlerà ovviamente anche di pedofilia , di fede e del ruolo di avvocato del diavolo. Si discuterà anche se sia giusta oppure no la castità sacerdotale. Non perdetevi questa intervista!  LEGGI TUTTA L'INTERVISTA E VEDI IL VIDEO INTEGRALE SUL BLOG DI EGIZIO TROMBETTA

La "Deposizione" dipinta per la Chiesa Nuova - L'invito di Caravaggio (di Edoardo Aldo Cerrato dall'OSSERVATORE ROMANO)

Il procuratore generale degli oratoriani, Edoardo Aldo Cerrato, ha sintetizzato per l'OSSERVATORE ROMANO il contenuto della conferenza tenuta il 22 aprile nella chiesa di Santa Maria in Vallicella a Roma nell'ambito dei "Sermoni dell'Oratorio".

Pur nella semplicità di un sermone dell'Oratorio secolare, non poteva mancare alla Vallicella, nel iv centenario della morte di Caravaggio, il ricordo del "gran peccatore, specie nell'ira, ma cattolico peccatore, ben cosciente che gli insegnamenti della Chiesa erano veri", il quale ha dipinto per la cappella Vittrici della Chiesa Nuova la Deposizione conservata nei Musei Vaticani. Pietro Vittrici, già maggiordomo del cardinale Ugo Boncompagni e suo famigliare dopo l'elezione al Soglio pontificio (1572), era stato guarito miracolosamente per intervento di Filippo Neri e si era spiritualmente legato a lui e all'Oratorio, tanto da essere il primo ad aver assegnata, nel 1577, nella Chiesa Nuova che stava sorgendo... CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO SULL'OSSERVATORE ROMANO

Nella fortezza del vicerè il radar bracca il Caravaggio (di Gianni Parrini, La Stampa, 21 aprile 2010)

Un sarcofaco segreto nella cappella di Porto Ercole?
E' un giallo storico: c'e' la morte di un'artista maledetto, la scomparsa del corpo, le ipotesi più disparate sulle cause del decesso (dall'omicidio su commissione al suicidio). Ma ci sono anche elementi da serial tipo "CSI": datazioni radiometriche su testi vecchi di centinaia di anni, analisi sul DNA dei vivi e dei defunti, utilizzo di georadar e di altre tecnologie per togliere i punti interrogativi e tentare di raggiungere la verità. Mescolate questi ingredenti e avrete il quadro sui misteri di Michelangelo Merisi, il celeberrimo Caravaggio. Dopo una vita turbolenta fata di provocazioni, risse e fughe ... LEGGI TUTTO L'ARTICOLO DI GIANNI PARRINI SU "LA STAMPA.IT"

28 apr 2010

Ripensare Caravaggio, pittore dell'inconscio

Cari Amici di Caravaggio, desideriamo ricordarvi che mercoledì 5 Maggio alle ore 21, presso la sede de Il Fischio, in via Procaccini, 4 (Milano) terremo la 3a serata dedicata a una rilettura psicoanalitica di Caravaggio.

Vi preghiamo di notare che il programma delle prossime serate è variato: a proseguimento dello scorso appuntamento, il 5 maggio verrà proiettata la seconda e terza parte dello sceneggiato Caravaggio interpretato nel 1967 da Gian Maria Volonté per la regia di Silverio Blasi. Le due puntate verteranno sul soggiorno napoletano e il successivo viaggio in Sicilia. L'incontro-conferenza sulle tele di Sicilia si terrà invece mercoledì 12 maggio alle 21. Il calendario degli appuntamenti successivi resta invariato.  Scusandoci per il disguido, vi aspettiamo!
Lo staff de IL FISCHIO      info@ilfischio.com

27 apr 2010

"QUEL CARAVAGGIO FU MIO PER UN GIORNO" (Articolo di Oreste Mottola, dal settimanale “UNICO”)

Il racconto del professor Biagio De Giovanni che aveva acquistato il “Martirio di Sant’Orsola” del Caravaggio

«Sono stato il proprietario per un giorno». «Ma per me sarebbe stato complicato custodire un Caravaggio…». Ormai ci scherza su Biagio De Giovanni, politologo e docente di storia dell’integrazione europea all’Orientale di Napoli, che per un giorno fu il proprietario del “Martirio di Sant’Orsola”, quando ancora non si sapeva che era del pittore lombardo. E’ una storia che ha reso noto Biagio Coscia, su “Il Corriere della Sera” del 10 giugno 2007. Era l’opera più misteriosa di Caravaggio, l’ultima della sua vita. Realizzata un mese prima di morire. Ma anche quella della storia più sofferta e controversa. Ora è il dipinto che più di ogni altro ha un percorso tracciato da documenti e testimonianze. « Sono passati 40 anni, andai a Eboli a vedere il dipinto custodito dalla baronessa Romano Avezzano. Era tra altre opere appartenute alla famiglia Doria». Il professore ne intuì il valore e accettò di acquistare subito il dipinto con un contratto verbale. «Costava quasi tre milioni, nel 1966 erano una cifra. Non avevo quei soldi e oltre a vendere un mio quadro, spinsi mia madre a cedere dei titoli. “Chi lo comprerà avrà una sorpresa” diceva la baronessa Felicita Romano Avezzano. Poi fui mal consigliato proprio da chi mi aveva introdotto al collezionismo. Mi dissero infatti che non si trattava nemmeno di un Mattia Preti, uno dei più noti seguaci del Caravaggio. Così ci ripensai e scrissi una lettera alla baronessa dicendo che il quadro era troppo ingombrante per la mia casa. Undici anni dopo, mi chiamò un amico annunciandomi la brutta notizia: “Nella cartella dei Doria custodita al Banco di Napoli hanno trovato tutto il carteggio tra Caravaggio e il committente del tuo quadro”». Il quadro fu realizzato per il principe genovese Marcantonio Doria che, come molti collezionisti, era un po’ irrequieto e scriveva spesso a Caravaggio per accelerare i tempi della consegna al punto che il dipinto fu messo ad asciugare al sole di napoli. Nel ’72 la Banca Commerciale comprò il capolavoro della baronessa di Eboli, cliente dell’istituto di credito.  (Oreste Mottola - Settimanale UNICO)

21 apr 2010

Caravaggio docet - Rossella Vodret presenta la mostra sui Caravaggeschi e annuncia importanti anticipazioni (di Michele Cuppone)

La mostra sui Caravaggeschi a Palazzo Ruspoli.  Caravaggio docet. E la sua lezione è bene illustrata da Rossella Vodret, Soprintendente al Polo Museale romano, in occasione della presentazione della mostra “I Colori del Buio - I Caravaggeschi nel Patrimonio del Fondo Edifici di Culto”, di cui è la curatrice. La mostra si inserisce nel quadro delle Celebrazioni del IV Centenario della morte di Michelangelo Merisi, e appresenta idealmente il naturale e cronologico prosieguo dell’esposizione alle Scuderie del Quirinale (che vanta già di aver superato i 280.000 visitatori, per la metà stranieri), che proprio nella giornata odierna ha visto l’arrivo nelle sue sale della Flagellazione da Capodimonte. Nella prestigiosa sede della Fondazione Memmo a Palazzo Ruspoli saranno esposte, a partire dal 15 aprile e fino al 18 luglio 2010 (data in cui ricorrono i 400 anni dalla morte), ben 39 opere, provenienti da 23 chiese e 13 città, tutte appartenenti al Fondo Edifici di Culto, che in questo 2010 festeggia il venticinquennale dalla fondazione. La mostra è dedicata ai seguaci del Caravaggio, e parliamo correttamente di seguaci e non di allievi o discepoli poiché egli, lavorando pressoché in solitudine (fatta eccezione per la presenza dei modelli che permettevano la rappresentazione dal vero), non ha mai avuto una sua scuola, una bottega come quella del Cavalier D’Arpino che gli permettesse anche di avvalersi di aiuti... CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Programma dedicato a Caravaggio al Pio Monte della Misericordia di Napoli

Pio Monte della Misericordia - Napoli - Eventi Maggio 2010:


Visita-spettacolo: “Caravaggio. La rivoluzione dell’arte”
sabato 01 - domenica 02 /ore 10.00 e 12.00
sabato 15 - domenica 16 /ore 12.00
sabato 29 - domenica 30 /ore 12.00

Una lanterna, pochi oggetti di scena e qualche drappo di tessuto come in un vero e proprio set cinematografico per raccontare in tre momenti, l’opera e soprattutto l’anima di un artista. Al Pio Monte della Misericordia, nel luogo dove si conserva il celebre dipinto di Caravaggio Le Sette Opere di Misericordia, viene proposta la formula integrata della visita guidata, a cura di storici dell’arte, con intervento teatrale, a cura dell’Associazione Le Nuvole.

Letture teatrali “Caravaggio”
sabato 08 /ore 9.00 e 11.00
sabato 22 /ore 9.00 e 11.00
sabato 29 /ore 9.00 e 11.00

Letture teatrali su Caravaggio con una visita guidata gratuita nella Chiesa del Pio Monte della Misericordia, a cura degli studenti dell’Istituto Statale d’Arte “Caravaggio” di S.Gennaro Vesuviano (NA), che dal 2009 hanno adottato il dipinto di Caravaggio, nell’ambito del progetto “La scuola adotta un monumento. Seguirà nella Quadreria al primo piano, la visione del cortometraggio La Misericordia dipinta, con Ugo Pagliai e musiche di Eugenio Bennato.

ACCEDI AL SITO UFFICIALE PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

28 aprile, Roma, Concerto "IL SUONO DI CARAVAGGIO"

A Roma, mercoledì 28 aprile alle ore 20.30 presso l'ORATORIO DI S. FRANCESCO SAVERIO DETTO DEL CARAVITA si terrà il concerto: "IL SUONO DI CARAVAGGIO", nell’anniversario dei 400 anni dalla morte del pittore. (ingresso gratuito - prenotazioni dal 15 aprile 2010, fino ad esaurimento posti, allo 06.85357191). 

L'evento si inserisce nel programma della manifestazione "CONCERTI E PALAZZI"  (21 aprile-10 maggio).

L’iniziativa propone un viaggio culturale nella storia di Roma e del Lazio attraverso una stagione di concerti eseguiti in palazzi d’epoca, ciascuno dedicato alle musiche del secolo di costruzione del palazzo ospitante.
Il percorso inizia dal ’500 e, attraverso i secoli successivi, giunge ad oggi, sottolineando i rapporti tra architettura, storia, arte e musica nelle varie epoche considerate.  Infatti le sedi sono selezionate in base all’epoca di costruzione per creare la giusta ambientazione ai singoli concerti eseguiti su musiche di autori del secolo prescelto e, normalmente, ne è programmata la preventiva visita guidata per il pubblico.  Ogni concerto è anche preceduto da una breve introduzione esplicativa sulle musiche che si eseguiranno, a cura di docenti di storia della musica. Gli interpreti sono in genere giovani ma già affermati artisti, attivi in campo nazionale e internazionale: orchestre, cori, ensemble e solisti vocali e strumentali.  LEGGI/SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO

Maracay, dedicato a Caravaggio il IX Salone d’arte visuale

CARACAS - La Società Dante Alighieri e la Casa d’Italia di Maracay, sotto l’auspicio dell’Istituto Italiano di Cultura di Caracas e nel marco delle celebrazioni del 45esimo anniversario del Club e del 64esimo anniversario della Repubblica italiana (2 giugno 1946), invitano tutti i novelli artisti plastici del paese a partecipare al XI Salone di Arte Visuale dedicato a Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, uno dei più grandi innovatori della pittura italiana di cui quest’anno si celebrano i 400 anni dalla morte. L’inaugurazione del Salone avverrà il giorno 2 giugno 2010 alle ore 19, presso gli spazi della Casa d’Italia di Maracay... CONTINUA A LEGGERE SU "LA VOCE D'ITALIA"

dal 1 maggio: Hermann Nitsch e Caravaggio, doppia esposizione a Napoli (Adnkronos)

Hermann Nitsch e Caravaggio: il confronto - incontro fra due personalita' cardine della scena artistica di tutti i tempi si celebra a Napoli, dal 1 maggio, con una doppia esposizione e un calendario di appuntamenti promosso, nell'ambito del Maggio dei Monumenti, dal Museo Nitsch e dalla Fondazione Morra in collaborazione con la pinacoteca del Pio Monte della Misericordia. Le opere del maestro contemporaneo, pioniere e protagonista dell'azionismo viennese, e quelle del rivoluzionario pittore seicentesco dialogheranno nel programma di eventi ''Nitsch e Caravaggio'', patrocinato dalla Regione Campania, dalla Provincia e dal Comune di Napoli e realizzato, con la Fondazione Mario e Maria Pia Serpone/Segni d'Arte, grazie al sostegno dell'EPT e della Metropolitana di Napoli. Un progetto di ampio respiro che punta alla commistione di linguaggi distanti nei secoli eppure in sintonia per innovazione e unicita'.  E che, inscritto nelle celebrazioni del quarto centenario della morte di Caravaggio, animera' la chiesa del Pio Monte della Misericordia, prezioso scrigno nel cuore antico di Napoli, nonche' sede dal 1607 del celebre dipinto ''Le sette opere di misericordia'' eseguito da Michelangelo Merisi poco dopo il suo arrivo a Napoli fuggiasco da Roma. (fonte: ADNKRONOS) - PER SAPERNE DI PIU' SU HERMANN NITSCH

17 apr 2010

La lezione di Marini al Palaexpo: dal blog di Egizio Trombetta il video completo

"Verso Sud” è il titolo della lezione del professor Maurizio Marini tenuta al Palaexpo il 9 Aprile 2010. L’incipt del filmato (non perdetevelo!) propone una rapida sequenza musicata di tutte le immagini dei dipinti proposti dal professor Marini nel corso del suo intervento. Il Marini del Palaexpo è un fiume in piena, si ha come la sensazione che il professore voglia rovesciare sul pubblico presente in sala tutte le sue conoscenze caravaggesche. Forse per vanità, forse per generosità. Forse il Marini non ha i tempi comici del Professor Strinati, forse vorrebbe strafare in alcuni passaggi e qualche parolaccia non manca mai. Ma se si ha voglia di impegnarsi, ascoltare una sua lezione o una sua intervista è un esperienza che ti arricchisce". (Egizio Trombetta).  ACCEDI ALLA PAGINA CON IL VIDEO INTEGRALE

Notizie contrastanti sulla ricerca delle spoglie mortali di Caravaggio

Continua il lavoro sulla ricerca delle spoglie mortali di Caravaggio con due ultimi aggiornamenti contrastanti: da una parte il gruppo di studio dell'Università di Ravenna dichiara di avere un possibile "indiziato" tra gli scheletri attualmente allo studio; da un'altra parte sono partite altre ricerche in un luogo diverso, sempre a Porto Ercole, sotto Forte Filippo. Per comodità abbiamo raggruppato tutti i link su questo argomento nella sezione del nostro blog dedicata e aggiornata continuamente sugli sviluppi di questa ricerca.

Sulle orme di Caravaggio: quattro itinerari insoliti a Roma

Dal 10 aprile il Centro Guide Roma propone l'iniziativa "Sulle orme del Caravaggio".   Quattro itinerari insoliti per ripercorrere i luoghi e raccontare le vicende che hanno caratterizzato la vita sregolata ma intrisa di profonda umanità del “pittore maledetto” negli anni trascorsi a Roma.

Itinerario 1: Da Piazza Santa Maria della Consolazione a Piazza di Ponte Sant’Angelo
(passando per Piazza Campitelli, Piazza Mattei, San Salvatore in Campo, Monte di Pietà, SS. Trinità dei Pellegrini, Piazza Farnese, Corte Savella, i Banchi, Tor di Nona)

Itinerario 2: Da Piazza della Chiesa Nuova a Sant’Agostino
(passando per Piazza Navona, Piazza Madama, San Luigi dei Francesi, palazzo Sant’Eustachio oggi Giustiniani, Santa Maria sopra Minerva, Pantheon)

Itinerario 3: La chiesa di Santa Maria della Scala in Trastevere per la quale l’artista aveva dipinto un’opera poi rifiutata e oggi al Museo del Louvre: La morte della Vergine. Si visiterà anche la Spezieria, antica farmacia ove si conservano ancora gli arredi del XVII secolo. (Visita con permesso speciale)

Itinerario 4: Dalla chiesa dei Santi Luca e Martina a Piazza del Popolo
(passando per la zona che era chiamata dei Pantani, Piazza Santi Apostoli, Fontana di Trevi, Via del Corso, Via dei Prefetti, Vicolo San Biagio, Via della Lupa, Piazza e Via della Torretta, San Lorenzo in Lucina, Santi Ambrogio e Carlo al Corso, i Condotti, Piazza di Spagna, Trinità dei Monti, Via del Babuino, Santa Maria del Popolo)

Gli itinerari si svolgeranno a partire da sabato 10 aprile, per 4 settimane.  L’intero ciclo ricomincerà sabato 8 maggio e così fino all’autunno con alcuni cambiamenti di orario.

Itinerario 1: Sabato 10 aprile ore 15,00 Piazza della Consolazione
Itinerario 2: Sabato 17 aprile ore 15,00 Piazza della Chiesa Nuova
Itinerario 3: Sabato 24 aprile ore 10,00 Piazza della Scala
Itinerario 4: Sabato 1 maggio ore 15,00 Via dei Fori Imperiali, ang. Via S. Pietro in Carcere

Prenotazione obbligatoria.  Le visite si terranno con un minimo di 20 partecipanti ad un costo di 8,00 euro a persona. Per il l’ Itinerario 3 i partecipanti potranno essere max 20 ed è richiesta un’ offerta di 5,00 euro a persona per l’ingresso alla Spezieria. Ai partecipanti che ne facciano richiesta sarà fornita la bibliografia utilizzata per l’ideazione dei quattro itinerari di visita. Il progetto è stato curato dalla dott.ssa Daniela Sereni e dalla dott.ssa Orietta Gori, storiche dell’arte e guide abilitate.

Per info e prenotazioni:  centroguideroma@gmail.com - tel. 06 6390409 - mob. 335 6591023

A Roma "I colori del buio": mostra a Palazzo Ruspoli in onore di Caravaggio

A Roma, dal 15 aprile al 18 luglio, Palazzo Ruspoli ospita la mostra "I colori del buio. I Caravaggeschi nel patrimonio del Fondo Edifici di Culto".  In esposizione 39 opere, provenienti da 23 chiese di 13 città diverse, dei seguaci dell'artista barocco più noto. Artisti che seguirono i suoi segreti, ispirandosi alla sua arte, ma non ebbero il suo stesso successo.  Una galleria dei quadri esposti e altre informazioni sono disponibili sul blog ARTSBLOG.it.  La mostra è stata presentata in una conferenza stampa al Viminale nella quale il Ministro Maroni ha colto anche l'occasione di riferirsi al Caravaggio, da lui definito "gay e lumbard", a seguito di alcune battute scambiate con l'On. Italo Bocchino. Se oltre all'arte avete anche una cuorisità per questi aspetti di colore potete trovare il resoconto di questa polemica a questo link.

Iconografia di Caravaggio attraverso gli autoritratti, veri e presunti (di Mauro Di Vito)

Questo studio di Mauro Di Vito, pubblicato sul catalogo del restauro del Caravaggio di Messina (Adorazione dei pastori) pubblicato da Skira, propone un'analisi iconografica dell'opera di Michelangelo Merisi attraverso i suoi autoritratti.  ACCEDI AL SITO SU CULTORWEB

Concerti di organo nella Chiesa di San Luigi ai Francesci a Roma: un'occasione anche per visitare i Caravaggio della Cappella Contarelli

Dal 28 aprile al 6 maggio 2010 a Roma la "Settimana dell'organo" di San Luigi dei Francesi proporrà cinque appuntamenti con altrettanti interpreti di fama internazionale. La terza edizione della "Settimana dell'organo", festival ideato e diretto da Daniel Matrone dedicato al grande repertorio della musica organistica rappresenta anche un'occasione suggestiva per visitare la Cappella Contarelli e i tre splendidi quadri di Caravaggio che vi sono ospitati.  LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI DEI CONCERTI SU AMADEUSONLINE.NET

Il nuovo sito dedicato a Caravaggio dal Comune di Caravagio (Bergamo)

Presentazione del sito: LE RADICI DEL CARAVAGGIO:  "Nell'anno in cui tutto il mondo celebra il quarto centenario della morte del nostro più conosciuto concittadino, anche la sua città di origine intende onorarlo e ricordarlo nella propria terra, quella Caravaggio a cui il grande pittore ha voluto indissolubilmente legare il suo nome, la sua origine. Così come ancora oggi è tormentata la ricerca delle verità intorno alla sua venuta in questa mondo, alla sua morte, alla sua arte, oltre ogni indagine, che pure certamente arricchirà la nostra conoscenza, è nostro orgoglio qui, in questa pagina d'apertura del sito a lui completamente dedicato, testimoniare con forza questa sua scelta di affermare la propria origine".  ACCEDI AL SITO WEB "CARAVAGGIO A CARAVAGGIO" 

13 apr 2010

Mercoledì 14 aprile debutta a Roma, al Teatro India lo spettacolo "LE ULTIME SETTE PAROLE DI CARAVAGGIO" di Ruggero Cappuccio


(AGI) - Roma, 12 Apr. - Mercoledi' 14 aprile al Teatro India debutta "Le Ultime Sette Parole di Caravaggio", lo spettacolo scritto e diretto da Ruggero Cappuccio con Claudio Di Palma e Lello Arena.  Protagonisti de Le Ultime Sette Parole di Caravaggio, il pittore (Claudio Di Palma) e il suo servo (Lello Arena) s'incontrano, si raccontano e poi si misurano con sette insidiose e spietate "femminote" interpretate da Federica Bognetti, Stella Egitto, Ilenia Maccarrone, Giusy Mellace, Alessandra Roca, Marina Sorrenti e Ada Totaro.  Nella sua ultima play, Ruggero Cappuccio ritrae l'artista umano, il genio immortale. La sua vita raccontata manca della sicurezza delle ultime ore, della certezza d'una febbre infettiva che l'avrebbe reso prima agonizzante e poi cadavere sulla spiaggia di Porto Ercole il 18 luglio del 1610.  Michelangelo Merisi e' artista bifronte della spada e del pennello, delle luci e delle ombre, eterosessuale e omosessuale, amico dei cardinali e dei ladri, idolo dei principi e degli assassini che proclama l'impossibilita' dell'esistenza di un mondo alto e poetico senza la conoscenza, la mortificazione e il naufragio in un mondo basso, corporeo.  Il testo di Cappuccio coglie il genio nell'ultima ora della sua vita. Accompagnato da un servo aiutante, Caravaggio sbarca su una terra ignota, provato dalla persecuzione dello Stato Pontificio, dalla sete di vendetta dell'Ordine di Malta, dall'abbandono dei suoi protettori ed estimatori piu' fedeli.  In quest'atmosfera di emarginazione, subisce a Napoli un'aggressione alla quale scampa per miracolo finendo sfigurato e secondo le cronache irriconoscibile in volto. Una solitudine immensa gli fa la rotta a spallate tra terre e rifugi come un animale ferito che ritarda ogni giorno l'appuntamento con la morte. Ne Le Ultime Sette Parole di Caravaggio si accende il delirio del grande artista in un dialogo disperato con se' stesso. Merisi e' braccato da sette donne soprannominate "femminote", una falange zingaresca di femmine siculo-calabre esperte di una vita criminale abbracciata per altrettanta disperazione. Incaricate dai poteri politici e religiosi di eliminare Caravaggio, le "femminote" si danno a interpretare la parte dei suoi giuda, in cambio di un silenzioso oblio sui loro reati pregressi. (Fonte AGI)  COLLEGATI AL SITO DEL TEATRO INDIA

Al museo saltando la coda, per 20 euro Caravaggio per ricchi con la card speciale Proteste dei turisti in coda. Ma è legale: il biglietto «a ingresso riservato» include gita in bus e sconti (dal Corriere della Sera)

ROMA - «Venti euro per vedere Caravaggio? Un furto». «Ma c'è anche il giro sul bus scoperto» obietta il tizio che ha intercettato un gruppo di visitatori da Padova annusando odor di gonzi. Viene comunque respinto. No grazie. Eppure non sono gonzi i turisti che in questi giorni accettano di pagare 20 euro a persona - il biglietto normale costa 10 euro -, una maggiorazione del 100%, per vedere la mostra più desiderata dell'anno alle Scuderie del Quirinale.  La grande esposizione che presenta al pubblico 24 dipinti di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio (fino al 13 giugno) ha già totalizzato oltre 100 mila visitatori e un record di 50 mila prenotazioni. Per far fronte alle code - durata media, 90 minuti - la direzione delle Scuderie ha prorogato gli orari di chiusura fino a Pasquetta: la mostra rimane aperta anche lunedì fino alle 23.30 (biglietti fino a un'ora prima della chiusura). Ma ciò nonostante, molti turisti ricchi preferiscono pagare il doppio del dovuto.... CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO SUL CORRIEREDELLASERA.IT

Notizie contrastanti sulla ricerca delle spoglie mortali di Caravaggio

In questi ultimi giorni si stanno accavallando ipotesi contrastanti sulle analisi in corso delle probabili spoglie mortali di Caravaggio da parte dell'Università di Ravenna, una nuova ipotesi di sepoltura in un altro luogo di Porto Ercole (Forte Filippo) e anche sull'autenticità del presunto atto di morte del Merisi. Di seguito abbiamo raggruppato i link a questi tre articoli:

Una Pasqua con Claudio Strinati (dal blog di Egizio Trombetta)

Intervento di Claudio Strinati al Tempio di Adriano “La tradizione artistica lombardo-veneta nella rivoluzione pittorica di Michelangelo Merisi detto il Caravaggio”. All’interno il video integrale dell’intervento.

Domenica 4 aprile 2010, è la domenica di Pasqua, sono passati pochi minuti dopo le 11, il professor Strinati fa ingresso al tempio di Adriano, il pubblico è numerosissimo. Lo storico dell’arte, tra i massimi studiosi del pittore lombardo, partecipa alla rassegna “Racconti di storia dell’arte. Dal Rinascimento al Barocco” organizzati tutti i fine settimana fino al prossimo 25 aprile. Nelle battute iniziali Claudio Strinati, che è anche l’ideatore della mostra “Caravaggio” in programma alle Scuderie del Quirinale, ringrazia principalmente Zetema e il suo presidente Marcolini, per il fondamentale sostegno all’iniziativa. Da li in avanti il professor Strinati comincia a fare sul serio, catalizza l’attenzione del pubblico ripercorrendo la vita del Caravaggio con assoluta disinvoltura.  CONTINUA A LEGGERE E ACCEDI AL VIDEO INTEGRALE DELL'INTERVENTO

8 apr 2010

Caravaggio a Roma: la mostra alle Scuderie del Quirinale (di Nicoletta Retico)

E’ sempre un’emozione trovarsi di fronte ai quadri di Michelangelo Merisi, passato ormai alla storia direttamente come Caravaggio, che è molto più di un appellativo o di un toponimo. Caravaggio è diventato un titolo, che richiama all’istante l’identità di un genio, di un’epoca e di una rivoluzione artistica. Un sovversivo della pittura che, impugnando con la stessa disinvoltura il pennello e la spada, tracciò uno squarcio tra la corrente del Manierismo ancora in voga e quella del Barocco che stava cominciando. Varcò la porta temporale del 1600, rappresentando un unicum che non permetteva ai contemporanei di classificarlo dentro un movimento, ma che, post-mortem, con naturalezza si appropriarono dell’epiteto per identificarne i seguaci: quella corrente internazionale di pittori caravaggeschi, una legione armata di pennello, che per un secolo seguitò ad intingerne la punta nella sua arte.   Poi il suo nome cadde inspiegabilmente nell’oblio, per tornare definitivamente alla gloria alle soglie del Novecento.....   LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

2 apr 2010

Un tour di Pasqua con Caravaggio

Visto le aperture straordinarie delle mostre e le festività pasquali, consiglio un tour eccezionale:

Mattina di pasqua alle ore 8.00 Chiesa di Santa Maria del Popolo (c'e' la messa, quindi è aperta e vi vedete Crocifissione di San Pietro e Conversione di San Paolo), alle 10.30 Chiesa di San Luigi ai Francesi (messa solenne di pasqua in francese) e vi beccate il trittico si San Matteo della Cappella Contarelli. Uscendo e andando a piedi verso i Traianei se la trovate aperta (un tentativo si può fare...) entrate nella Basilica di Sant'Agostino in Campo Marzio (via della Scrofa 80) e vedete la Madonna dei Pellegrini. Usciti dalla chiesa (se avete avuto questa fortuna) prendete fiato e mangiate qualcosa (se vi sentite una strana atmosfera caravaggesca addosso è corretto, siete nei luoghi in cui razzolava il Merisi a tarda notte). A questo punto spostatevi ai mercati di Traiano e godetevi la Mostra Impossibile. Poi un rapido autobus giù per tutta Via Nazionale e, anche a notte fonda visto che è aperta fino alle 23.30, concludete la giornata con la Mostra delle Scuderie. Se riuscite ad entrare dappertutto avete visto in una sola giornata dal vivo una trentina di quadri di Caravaggio (senza contare le 63 riproduzioni della Mostra Impossibile) e potete anche sedervi su un gradino della scalinata di uscita con vetrata delle Scuderie da dove ammirare Roma in una vista mozzafiato, esausti e piacevolmente travolti da questo faticoso tour e se vi gira la testa e vi viene da piangere, non vi preoccupate, è un pò di sindrome di Stendhal...

(se poi siete veramente tosti potete anche a vedere LA BUONA VENTURA ai Capitolini e LA MADONNA E SANT'ANNA e SAN GEROLAMO SCRIVENTE alla Galleria Borghese... ma se ci riuscite siete veramente tosti...)

Buona Pasqua a tutti da Massimo D'Alessandro

(ANSA) Caravaggio, si indaga su nove scheletri

(ANSA) - ROMA, 1 APR - Uno dei nove scheletri ritrovati alcune settimane fa a Porto Ercole potrebbe essere di Caravaggio. E' una ipotesi al vaglio dagli esperti. ''Le indagini volte all'identificazione dei resti ritrovati - afferma Giorgio Gruppioni, responsabile ricerca scientifica delle analisi - hanno portato alla rivelazione di elementi riconducibili ai pigmenti impiegati dai pittori dell'epoca''. La prossima settimana ci sara' il responso dell'esame del carbonio 14 da cui sono attese verifiche e riscontri.

Apertura straordinaria a Pasqua e Pasquetta per la mostra su Caravaggio alle Scuderie del Quirinale

Apertura straordinaria, con orario prolungato, durante le festività pasquali per la grande mostra dedicata al genio di Caravaggio, allestita alle Scuderie del Quirinale. L'importante esposizione, che ha già richiamato 210.000 visitatori con una media giornaliera di oltre 5.200 persone, rimarrà aperta la domenica di Pasqua e il lunedì di Pasquetta con orario prolungato, dalle 9.00 alle 23.30. Dunque, chi ancora non è riuscito a visitare la rassegna che presenta riuniti per la prima volta 25 capolavori di Michelangelo Merisi, potrà farlo in questo week end.

1 apr 2010

PROROGATA FINO AL 5 APRILE!!! Mostre: tutto il Caravaggio in digitale - Esposizione a mercato Traiano d'intesa con mostra Quirinale

LA MOSTRA E' STATA PROROGATA FINO AL 5 APRILE!!!

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Finalmente tutto il Caravaggio a Roma, per la prima volta raccolto in un'unica mostra negli splendidi spazi dei mercati di Traiano. Si tratta di un'esposizione che comprende le riproduzioni digitali in grandezza naturale di 63 dipinti, cioe' l'intera opera del Caravaggio. Le riproduzioni sono ad altissima definizione e retroilluminate. La mostra e' stata realizzata dalla Rai con il Comune e i Beni culturali d'intesa con gli organizzatori di quella allestita alle Scuderie del Quirinale.

ACCEDI AL SITO DELLA MOSTRA