20 dic 2013

"Alcune considerazione a partire dalle parole di Caravaggio" (di Michele Cuppone)

Con Le parole di Caravaggio, Alvise Spadaro torna alle stampe estendendo il suo noto interesse per il periodo siciliano del pittore. In un volumetto scorrevole da potersi leggere d'un fiato è ripercorsa la vicenda caravaggesca attraverso la viva voce del milanese, o meglio tramite le testimonianze riportate in documenti, giudiziari e romani in gran parte, e fonti, per lo più siciliane.

La più ampia trattazione riguarda naturalmente i corposi atti del processo per la diffamazione ai danni di Baglione, preziosa occasione in cui un Michelangelo Merisi mai così ‘loquace’ manifesta la sue concezioni estetiche nel rapporto con gli artisti coevi. Ma Spadaro indugia pure sulla nota di Francesco Aprile - con taglio e intenzione diversi rispetto agli altri capitoli, e comprensibilmente - dovendo prendere le difese di una sua acquisizione molto poco riconosciuta, se non ignorata del tutto, sul professato passaggio del Merisi da Caltagirone ...

Continua a leggere su News-Art

17 dic 2013

Summer school "Caravaggio: Art and Knighthood" a Malta (giugno 2014)

Caravaggio's beheading of St.John

Il corso estivo "Caravaggio: Art and Knighthood", che si terrà a Malta tra il 2 e il 13 giugno 2014, comprende un programma intensivo di due settimane di lezioni in classe e in situ, seminari e workshop che saranno tenuti da autorevoli studiosi del settore. Si studierà il contesto drammatico e avvincente della turbolenta vita di Caravaggio e si riconsidereranno i capolavori dei suoi periodi maltese e tardo nell'evoluzione generale dei suoi lavori. Il corso include anche uno studio ravvicinato delle opere d'arte stesse e si discuteranno tematiche di stile e tecnica.

Accedi al sito ufficiale

12 dic 2013

Leonardo, Raffaello, Caravaggio: "Una mostra impossibile" a Napoli



Un progetto ideato e diretto da Renato Parascandolo
Direzione scientifica di Ferdinando Bologna
117 riproduzioni di capolavori di Leonardo, Raffaello, Caravaggio in mostra a Napoli, nelle sale del Convento di San Domenico Maggiore, dal 3 dicembre 2013 al 21 aprile 2014.

Accedi al sito ufficiale della mostra

Leggi l'articolo di Reportweb.tv


02 dic 2013

Mostra "Montserrat. Opere maggiori dell'Abbazia" a Forte di Bard



La nuova produzione artistica interamente firmata Forte di Bard presenta, per la prima volta raccolte in un unico evento, le opere dal grande valore storico-artistico provenienti dal Monastero benedettino di Montserrat, località a pochi chilometri da Barcellona, in Catalogna.

Fondato nel 1025 per commemorare l’apparizione della Madonna sul monte omonimo, il Monastero fu distrutto dalle truppe napoleoniche nel 1811 e ricostruito una trentina di anni dopo. Il santuario, attorniato da un vastissimo complesso di edifici in gran parte adibiti per l'alloggio dei pellegrini, è conosciuto in tutto il mondo e, secondo le ultime statistiche, è meta ogni anno di oltre un milione di pellegrini e turisti.
In mostra cento capolavori, dal Romanico al Barocco, dall’Impressionismo all’Avanguardia, con omaggi particolari all’arte italiana e alla pittura antica spagnola. Tra le opere esposte spiccano il San Gerolamo di Caravaggio, le tele di Gianbattista Tiepolo, Luca Giordano, Francesco Solimena, Andrea da Salerno, Pedro Berruguete, Marià Fortuny, Rembrandt e due capricci di Luigi Rossini mai esposti. A questi si aggiungono altri grandi maestri della storia dell’arte: Monet, Degas, Pisarro, Sisley, Rouault, Chagall, Braque, Marini, Hartung, Rusiñol, Picasso, Dalì, Tàpies, Poliakoff, Chanko, Le Corbusier e Subirachs ...


Accedi al sito ufficiale della mostra

Leggi il comunicato stampa

Milano, gli studenti del liceo clonano Caravaggio

Caravaggio quattrocento anni dopo. Gli studenti della quarta e della quinta del liceo Orsoline di via Lanzone, a Milano, hanno rivisitato in chiave fotografica una serie di quadri di Caravaggio. Alcuni ragazzi hanno perseguito la fedeltà, cercando di ricalcare con precisione le linee guida del dipinto, altri invece hanno preferito ispirarsi allo stato d'animo dei personaggi, scegliendo una via più personale. Questi lavori sono ospitati per tutto il periodo di Natale all'Ancora Store in via Pavoni. Le fotografie delle Orsoline sono affiancate dai lavori più tecnici degli allievi dell'Istituto Pavoniano Artigianelli




26 nov 2013

Crede di aver trovato un Caravaggio ma è una crosta e finisce nei guai

Aveva chiesto a un notissimo critico d’arte il suo avallo. E lì si è perduto, perché il critico, non solo ha capito subito che il quadro era un’ignobile crosta, ma si è anche arrabbiato molto e ha denunciato il tentativo alle forze dell’ordine, mandando il nostro appassionato d’arte davanti al giudice per la falsa attestazione

Crema, 22 novembre 2013 – Riteneva di aver trovato in un mercatino rionale addirittura un quadro di Caravaggio. Una prova del celebre Bacchino malato. Ne era così convinto che si era spinto non solo ad autenticare il quadro con una sua dichiarazione, ma a chiedere addirittura a un notissimo critico d’arte il suo avallo. E lì si è perduto, perché il critico, non solo ha capito subito che il quadro era un’ignobile crosta, ma si è anche arrabbiato molto e ha denunciato il tentativo alle forze dell’ordine, mandando il nostro appassionato d’arte davanti al giudice per la falsa attestazione.
Questa mattina davanti al giudice Maria Stella Leone si è aperto il processo, che è subito terminato perché l’avvocato dell’uomo, il legale Sergio Fiori, ha chiesto e ottenuto dal pm Silvia Mainardi di poter patteggiare per il suo assistito una pena minima, solo quattro mesi. D’altro canto, chi avrebbe avuto l’ardire di sostenere l’autenticità di un quadro così celeberrimo? Quindi, il giudice ha condannato l’incauto estensore dell’autentica a quattro mesi di prigione, sospendendo la pena, visto che il cremasco era incensurato e per la prima volta davanti a un giudice.

Leggi su Il Giorno - Cremona


«Il Comune di Udine ha un Caravaggio e non lo sa»

UDINE. Il dipinto “San Francesco riceve le stigmate” di proprietà della parrocchia di Fagagna, ma dal lontano 1911 in deposito ai Civici musei di Udine, non sarebbe una copia, ma un originale del Caravaggio. A sostenerlo è il parroco di Fagagna, monsignor Adriano Caneva, sul settimanale diocesano “La Vita Cattolica”, intervenendo dopo l’annuncio fatto dall’Assessore alla Cultura del Comune di Udine, Federico Pirone, di una mostra dedicata al dipinto in questione, definito invece dall’assessore “copia”.
Ma per monsignor Caneva le cose stanno diversamente in virtù di uno studio, fatto nel 2001, dal professor Vanni Tiozzo, docente di Restauro all’accademia di Belle arti di Venezia, che ne attesterebbe l’attribuzione, invece, a Caravaggio. Secondo il direttore dei Civici musei Marco Biscione, «l’attribuzione sarebbe ancora in discussione”, tanto che il Comune avrebbe disposto nuove analisi sul dipinto con le più moderne tecniche, che sfoceranno in una mostra prevista per la prossima primavera.

18 nov 2013

Tè letterario con Anna Maria Panzera (Roma, 22 novembre)

Venerdì 22 novembre alle ore 17:00 presso il Teatro Vittoria di Roma, si terrà l'incontro Le Opere di Caravaggio. Dialoghi e letture, con Anna Maria Panzera, consulenza musicale a cura di Elisa Astrid Pennica e partecipazione amichevole di Michele Cuppone.

L'appuntamento fa parte della rassegna Tè letterari - Risvegliare reminiscenze di Marcello Teodonio.

Il Teatro Vittoria è a Roma in piazza Santa Maria Liberatrice 10. Si raccomanda la prenotazione (tel. botteghino 06-5781960/5740598).


Accedi al sito ufficiale del Teatro Vittoria

04 nov 2013

Mostra "Il giuoco al tempo di Caravaggio" a Montale

Il Giuoco al tempo di Caravaggio – Mostra Montale Villa Smilea

La mostra, aperta dal 7 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 nei locali di Castello Villa Smilea a Montale, si propone lo scopo di presentare al grande pubblico una selezione di opere d’arte di straordinaria importanza di alcuni tra i massimi protagonisti della grande stagione europea del caravaggismo. L’evento principale e le iniziative ad esso collegate sono finalizzate alla raccolta fondi per finanziare i progetti dell’Associazione "Un Cuore un Mondo" e della Fondazione dell'Ospedale Meyer ...

Accedi al sito ufficiale

28 ott 2013

Da Caravaggio a Canaletto. L'arte italiana conquista Budapest (da "La Repubblica")


Due secoli di arte italiana vengono celebrati in una mostra straordinaria al Szépmuvészeti Múzeum. Ricca di capolavori e scientificamente ineccepibile, con 141 dipinti accuratamente selezionati provenienti dai piú importanti musei del mondo, dá la possibilitá, fino al 16 febbraio, di capire la varietá di stili di quei decenni e di conoscere le molte personalitá che li hanno attraversati

di Valentina Tosoni

"Il ragazzo con il canestro di frutta" di Caravaggio, del 1593, dá il  via all'esposizione con cui Budapest si riafferma centro strategico per la cultura internazionale. "Sono onorata dell'invito e felice di essere qui e visitare la mostra eccezionale a cui questo museo ci ha abituato - dice Anna Coliva, direttrice della Galleria Borghese di Roma, da cui proviene il dipinto, aprendo il suo discorso in conferenza stampa - I colleghi ungheresi si sono assunti un impegno gravoso perché é difficile mantere alta la qualitá, ma questa esibizione ha superato le aspettative di tutti" ...

24 ott 2013

Serata reading di "Lena che è donna di Caravaggio (Roma, 24 ottobre)

24 ottobre - ore 19,00
serata reading del volume "Lena che è donna di Caravaggio" di Alessandra Masu
presso L'Atelier di Patrizia Pieroni, via del Pellegrino 172, Roma.

Sarà presente l'autrice e inoltre gli attori della Compagnia del Teatro dei Conciatori
Igor Mattei - voce narrante
Sara Religioso - voce narrante

Per ragioni organizzative è necessario confermare telefonicamente la propria partecipazione all'evento all'Atelier Patrizia Pieroni (06.68802424)

22 ott 2013

Presentazione thriller "Riflessi dal sottosuolo - Caravaggio, la trilogia" (Roma, 24 ottobre)

Giovedì 24 ottobre alle ore 18.00, presso la Libreria Arion Testaccio - piazza Santa Maria Liberatrice 23/26, Roma - si terrà la presentazione del thriller "Riflessi dal sottosuolo - Caravaggio, la trilogia" di Antonio Nola.
Con la partecipazione di Chiara Ricci e il reading di Luca Proietti.

Un'insensata follia omicida si abbatte nelle più importanti città d'arte. Madrid, San Pietroburgo, Roma sono solo alcune delle metropoli evidenziate sulla cartina del serial killer. Uomini e donne vengono brutalmente uccisi senza un'apparente ragione e i loro corpi usati come modelli in un'iconografia della morte ...


Continua a leggere su Funweek

16 ott 2013

"Capolavori svelati" su Sky Arte

 Greta Scacchi racconta Caravaggio su Sky Arte HD

... Parte su Sky Arte HD una vera e propria caccia al tesoro: quella di Capolavori svelati, viaggio alla scoperta dei messaggi più segreti celati nei grandi capolavori del passato. Il sipario si alza, giovedì 17 ottobre alle 20.30, sul Caravaggio romano della Cappella Contarelli, con le annose questioni legate alla reale identità dei personaggi ritratti nel celeberrimo ciclo di San Matteo ...

01 ott 2013

"Il Caravaggio di Palermo e l'Oratorio di San Lorenzo" su "The Burlington Magazine" (recensione di Michele Cuppone)





Pubblicata sul numero di ottobre 2013 di The Burlington Magazine la recensione di Michele Cuppone al volume Il Caravaggio di Palermo e l'Oratorio di San Lorenzo di Giovanni Mendola.

Il volume in oggetto presenta, peraltro, importanti documenti palermitani che avvalorano sempre più e, a ben vedere, legittimano lasciando poco spazio a ricostruzioni alternative la tesi secondo cui la dispersa Natività con i santi Lorenzo e Francesco fu dipinta da Merisi a Roma nell'anno 1600, commissionata da Fabio Nuti.


LEGGI LA RECENSIONE

Vedi l'indice del numero 1327 di "The Burlington Magazine"

27 set 2013

Bentornato Caravaggio 2013




Il Comune di Caravaggio organizza annualmente la manifestazione “Io, Caravaggio” che si svolge nella settimana della ricorrenza della nascita di Caravaggio ovvero del 29 settembre. La manifestazione prevede eventi di vario genere, curati dall’Assessorato alla Cultura e dalle Associazioni più accreditate della città. In tale contesto si inserisce la Convention annuale “Bentornato Caravaggio” ideata e a cura dell’Associazione culturale Decima Musa Caravaggio.
la Convention è un evento annuale che si propone di:
* diffondere la conoscenza di opere e creazioni finalizzate allo studio e alla conoscenza della vita e della produzione artistica di Caravaggio e opere ispirate all'arte caravaggesca,
* incentivare lo scambio culturale e l’incontro tra realtà e persone provenienti da qualunque paese del mondo che hanno in comune la passione per Caravaggio,
* essere un punto di riferimento e un appuntamento per gli appassionati, i cultori e gli esperti
* suscitare interesse, curiosità e conoscenza in tutti i tipi di pubblico, soprattutto nei giovani.
La presenza di Case Editrici, Autori, Studiosi, Critici, Autori, Musicisti, Fotografi, Compagnie Teatrali e di Danza, Registi, Aziende, Ristoranti e Chef, che con la loro attività contribuiscono alla diffusione dell'Arte di Caravaggio, genera un momento straordinario di incontro, confronto, conoscenza ...

Accedi al sito ufficiale www.bentornatocaravaggio.it

26 set 2013

SICILIA - Il Caravaggio torna alla Borgata (di Isabella Di Bartolo)

Il capolavoro di Caravaggio torna alla Borgata. Dopo cinque anni di attesa, il «Seppellimento di Santa Lucia» farà rientro nella Basilica extra moenia per il cui altare maggiore era stato dipinto da Michelangelo Merisi.
Il quadro era stato spostato per consentire le operazioni di restauro all'interno della Basilica della Borgata e trasferito nella chiesa di Santa Lucia alla Badia, a piazza Duomo, dove si trova ancora. Di proprietà del Fec (Fondo edifici di culto) e dunque curato dal ministero dell'Interno attraverso la Prefettura, il capolavoro di Caravaggio è stato protagonista di un'intensa peregrinazione: dalla Borgata era stato infatti trasferito al museo di Palazzo Bellomo, dove era in mostra fra le opere più preziose, e poi ancora da qui è stato di nuovo portato alla Borgata con una cerimonia-evento che celebrava il delicato restauro del dipinto. Infine, il trasloco a piazza Duomo da cui, appunto, dovrà nuovamente essere spostato ...


Continua a leggere l'articolo

25 set 2013

Papa Francesco e Caravaggio: “le sue tele mi parlano” (di Rodolfo Papa)


Nella intervista recentemente pubblicata, in cui papa Francesco si racconta al direttore di “Civiltà Cattolica”, padre Antonio Spadaro, il Santo Padre ha espresso, tra le altre cose, il suo amore per l’arte, e in particolare per Caravaggio: «In pittura ammiro Caravaggio: le sue tele mi parlano».

Quanto le tele di Caravaggio parlino a papa Francesco è rintracciabile nella medesima intervista, in cui spiega come egli si riconosca nella Vocazione di San Matteo dipinta da Caravaggio ...

Nuova illuminazione per la "Canestra di frutta"


La Canestra di frutta, uno tra i più celebri dipinti del Caravaggio conservato alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, si mostra da oggi in una veste espositiva rinnovata. Il quadro splende di una nuova luce (a Led) grazie a Ilti Luce by Philips. Il prezioso dipinto è stato coinvolto in un intervento di piena valorizzazione: una nuova collocazione e un nuovo progetto illuminotecnico ...

Continua a leggere su Illuminotecnica.com


23 set 2013

Da domenica 29 settembre riprendono gli appuntamenti con i TABLEAUX VIVANTS DA CARAVAGGIO al Museo Diocesano di Napoli.



21 Tableaux Vivants dall'opera di Michelangelo Merisi.
7 attori mettono in scena i capolavori del grande Maestro.

Un lavoro di estrema semplicità e insieme di grande impatto emotivo: sotto gli occhi
degli spettatori si comporranno 21 tele di Caravaggio realizzate con i corpi degli attori e
l'ausilio di oggetti di uso comune e stoffe drappeggiate. Un solo taglio di luce illuminerà
la scena che sarà come riquadrata in una immaginaria cornice. La performance sarà
scandita ritmicamente dalle musiche di Mozart, Vivaldi, Bach e Sibelius.

In scena senza interruzioni al Museo Diocesano di Napoli dalle 9,30 alle 13,30 di domenica 29 settembre, 20 ottobre, 24 novembre, 22 dicembre - Biglietto cumulativo per l’ingresso al percorso museale e la visione dello spettacolo: € 8.00. Gratis fino ai 6 anni. Dai 7 ai 18 anni: € 4.00


La conversione di un cavallo è una produzione LUDOVICARAMBELLITEATRO in collaborazione con altraDEFINIZIONE

19 set 2013

Salvatore Settis - Conferenza "Senza far disegno. Caravaggio e l’antico" (Roma, 27 settembre)


Settis-Caravaggio-e-antico 
Salvatore Settis terrà la conferenza dal titolo: Senza far disegno. Caravaggio e l’antico.
Si chiudono così i lavori di studio e restauro sulla Maddalena di Caravaggio e sulla
Deposizione di Giorgio Vasari.
La conferenza si svolgerà nella Sala del Trono di Galleria Doria Pamphilj il 27 settembre.
Per poter partecipare è necessario prenotarsi telefonando a Verderame progetto cultura allo 06-68892499.



Fonte: Verderame progetto cultura


17 set 2013

Claudio Strinati - Caravaggio, su Rai 5


Sabato 21-28  settembre 5 ottobre
Claudio Strinati - Caravaggio

Nessun artista, forse, come il Caravaggio è stato oggetto di analisi, attribuzioni, deduzioni, spiegazioni più contraddittorie e diverse, chi vede nel Caravaggio l'artista maledetto, ateo, disperato, chi, al contrario, vede in lui l'artista spinto da una profonda fede religiosa, cattolico, positivo e costruttivo.

Le puntate registrazioni della lezione tenuta da Claudio Strinati presso l'Auditorium di Roma il 26 maggio 2013   andranno in onda sabato 21 e 28  settembre e 5 ottobre, su Rai 5.

Accedi al sito del programma Tv

Verifica gli orari della messa in onda

16 set 2013

Presentazione di "Lena che è donna di Caravaggio" (Roma, 26 settembre)

Giovedì 26 settembre alle ore 19,30

Sagrestia della Chiesa di Sant'Agostino

P.zza Sant'Agostino, Roma

Interverranno:
Giuliano Giubilei (Vicedirettore TG3)
Michele Di Sivo (Archivio di Stato di Roma)
Vera Fortunati (Docente di storia dell’arte, Università di Bologna ‘Alma mater’)

Beatrice De Ruggieri (Storica dell’arte)
Consuelo Lollobrigida (Storica dell’arte)
Valeria Merlini (Restauratrice)
Daniela Storti (Restauratrice)


Sabina Barzilai leggerà dei brani tratti dal libro

06 set 2013

Il gesso di Canova distrutto non è un caso isolato: Ops, si è strappato un Caravaggio (di Tomaso Montanari)

Il-gesso-di-Canova-distrutto-a-Perugia-480x245
[...] Ma non tutto si può nascondere. Nel 2006 la Madonna dei Pellegrini di Caravaggio (visibile gratuitamente a tutti sull’altare della chiesa romana di Sant’Agostino, per il quale fu dipinta) fu bucata da un visitatore armato di penna, e proprio su uno dei piedi sporchi dei pellegrini (un brano celeberrimo fin dal Seicento) mentre era esposta a Milano in una mostra non memorabile curata da Vittorio Sgarbi. Il super-movimentato Caravaggio patì un altro danno, sempre a Milano, due anni dopo: quando la Conversione di Saulo della famiglia Odescalchi (delicatissima tavola di cipresso) cadde, perdendo del colore [...]

Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano

31 ago 2013

Monna Lisa e Caravaggio all'Isola dei defunti (di Tomaso Montanari)

[...] Nel luglio del 2010, al termine di una ‘ricerca scientifica’ seria come il tunnel dei neutrini sognato dalla Gelmini, Vinceti annunciò infatti al mondo il ritrovamento delle ossa del padre dell’arte moderna: che fecero ritorno a Porto Ercole (sorrette, dallo stesso Vinceti, in un’urna di plexiglass) sul veliero di Cesare Previti. Ma nonostante (o forse proprio per) questo clima da mascherata grottesca, un’altra amministrazione pubblica ha dato credito a Vinceti: il Comune di Monte Argentario. Nello scorso maggio è stata infatti creata la Fondazione Caravaggio (presidente, ovviamente, Vinceti) che avrà sede nelle ex scuole di Porto Ercole, e che potrà inscenare il proprio marketing nei principali spazi pubblici storici del paese [...] Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano

30 ago 2013

L'idea di Detroit contro il crac: coprire i debiti con Caravaggio (di Daniele Abbiati)

 
La città è in fallimento, il curatore azzarda una cura che in Italia provocherebbe una rivolta: vendere la collezione di capolavori

Valuta l'arte e mettila da parte, potrebbe servirti, in tempi di vacche magre. È questa la lezione che viene da Detroit, dove le vacche non sono magre, sono proprio clinicamente anoressiche, secche come le casse della città.
Che infatti recentemente ha dichiarato bancarotta. L'ormai ex capitale americana (quindi mondiale) dell'auto ha fatto ciò che non fecero New York nel '75, Cleveland nel '78 e Filadelfia nel '91. Da quelle parti, piuttosto che subire l'onta del fallimento si preferì mediare, dilazionare, mendicare pietà presso i creditori. Invece il cuore industriale del Michigan, che avrebbe urgente bisogno di tre o quattro by-pass per tornare a battere con regolarità, sta pensando di alleggerire la propria situazione di insolvente vendendo i gioielli di famiglia. Custoditi al Detroit Institute of Arts, sono in tutto la bellezza di 60mila opere, inclusi un Brueghel il Vecchio (rilevato, ironia della sorte, soltanto tre anni fa dal Prado di Madrid per 7 milioni di euro), un Caravaggio, un Rembrandt, un Matisse ...

Continua a leggere su Il Giornale

01 ago 2013

"Caravaggio in Sicilia. L’ultima rivoluzione" (recensione di Michele Cuppone)

Caravaggio in Sicilia. L’ultima rivoluzione è la prima rilevante fatica letteraria di Andrea Italiano. Il volume, complessivamente un buon prodotto, desta interesse per tematica e contenuti, dove protagonista assoluto non è invero Michelangelo Merisi, quanto più la “rivoluzione” da lui innescata in Sicilia, tanto da affermare in tale sede che la pittura del Seicento nell’isola “inizia” proprio con lui.
La prima parte dunque ripercorre il profilo storico artistico del milanese in Sicilia, a partire dal passaggio maltese, e l’autore non perde occasione di esprimere la propria interpretazione alle molteplici circostanze poco chiare legate al soggiorno isolano, da un presunto sbarco a Gela tutto da verificare, alla ripartenza da Messina o Palermo. Su quest’ultimo punto, sono recepite non tutte le più fresche acquisizioni, probabilmente per via delle tempistiche redazionali; e comunque la pur ampia bibliografia di riferimento, accanto alle citate fonti antiche e moderni studi e monografie, andrà aggiornata su fondamentali uscite recenti.
Ma al di là della ricerca storica l’autore, ‘longhianamente’, è maggiormente interessato agli aspetti stilistici e iconografici, dove indubbiamente offre prove di grande competenza e destrezza. Nella lettura delle opere, in particolare, la scrittura raggiunge i momenti più alti e godibili; contribuisce in tal senso un linguaggio raffinato e, quand’anche volutamente ricercato, accessibile a chiunque ...

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE

10 lug 2013

Mostra "Da Guercino a Caravaggio" all'Hermitage

Verrà inaugurata il prossimo 12 luglio all’Hermitage Museum di San Pietroburgo la mostra “Da Guercino al Caravaggio”, dedicata all’arte italiana con i capolavori del ‘600. La grande mostra – che resterà aperta fino all’8 settembre 2013 – ripercorrerà le tappe fondamentali della lunga vita di Sir Denis Mahon, famoso collezionista, attraverso i grandi capolavori del ‘600 italiano da lui collezionati e donati alle più importanti istituzioni internazionali – anche a quelle del nostro Paese, per un valore di oltre 50 milioni di euro – oltre a esporre alcune attribuzioni e scoperte fatte dallo stesso Mahon, che vanno da Guercino a Caravaggio.

L’evento, proprio per l’altissimo pregio delle opere, è stato voluto da una delle più grandi istituzioni museali al mondo, l’Hermitage Museum appunto, quale offerta culturale della città russa in occasione del G20 del 5 e 6 settembre prossimi.

Mahon, scomparso nel 2011 all’età di 100 anni, è stato il più grande storico dell’arte e collezionista della sua epoca e, sin dall’inizio della carriera, il principale promotore in Gran Bretagna della rinascita dell’interesse per il Barocco italiano. Concepì la mostra nel 2009 per festeggiare i suoi 100 anni insieme ai dipinti che lo avevano accompagnato nel corso della vita, selezionando personalmente ogni singola opera, e chiese a Mina Gregori – storica dell’Arte, Accademica dei Lincei, Professoressa Emerita di Storia dell’Arte Moderna all’Università di Firenze – di esserne la curatrice, e a Roberto Celli, fondatore di RomArtificio, di realizzarla.

L’evento, dunque, attraverso una scelta mirata di dipinti, fa il punto sulle scoperte e gli studi da lui condotti sull’arte del ‘600 italiano, alla cui rivalutazione in campo internazionale Mahon ha contribuito in maniera decisiva fin dagli anni Trenta del secolo scorso.

Come ha rilevato Nicholas Penny, direttore della National Gallery di Londra, «quella di Sir Denis Mahon è la collezione privata più pubblica che esista», proprio per il suo grande mecenatismo e senso civico che l’hanno portato a donare in vita tutte le sue opere a istituzioni pubbliche affinché fossero fruibili dal maggior numero possibile di persone.

Accedi al SITO UFFICIALE della mostra

(fonte: lagenziadiviaggi.it) 

09 lug 2013

Uffizi: collocazione definitiva per Caravaggio ei caravaggeschi

Firenze, 8 luglio 2013 - Nell’ambito degli spostamenti delle opere d’arte al Piano Nobile degli Uffizi, questa mattina sono stati traslati i dipinti di Caravaggio e dei pittori caravaggeschi italiani e stranieri. L’operazione si è svolta sotto il controllo dei funzionari della Direzione della Galleria e ha riguardato 17 dipinti di autori quali Caravaggio, Artemisia Gentileschi, Bartolomeo Manfredi, Honthorst Gerrit Van detto Gherardo delle Notti, Matthias Stomer, Bartolomeo Cavarozzi, Giovanni Antonio Galli detto lo Spadarino e Giovanni Battista Caracciolo detto il Battistello.

Gran parte delle opere erano state spostate due anni fa per far spazio alla mostra “Vasari, gli Uffizi, il Duca”, che si svolse tra giugno e novembre 2011, in occasione dell’anniversario vasariano.

La movimentazione delle opere – che ha visto impegnata la squadra tecnica della Galleria - si è svolta lungo l’infilata delle sale nel lato di Levante e da domani mattina, alla riapertura degli Uffizi, i visitatori potranno ammirare le opere di Caravaggio (Medusa, Bacco, Sacrificio di Isacco) nella prima sala dopo il Verone (la numero 90) e, nelle tre sale successive, tutte le altre.
Così come previsto dalla Direzione degli Uffizi, i tre dipinti di Caravaggio e le opere dei caravaggeschi verranno dopo quelle dei pittori lombardi del Cinquecento – dopo i saggi di Longhi considerati il precedente immediato all’espressione di Caravaggio - le cui sale concludono l’infilata di Ponente al Piano Nobile del complesso vasariano.

Guarda FOTO e VIDEO

(Fonte: gonews.it)

28 giu 2013

Roma, 3 luglio: Conferenza-concerto "La musica nei quadri di Caravaggio"


Riposo-Egitto-Damiani 
3 luglio – Santa Marta, Piazza del Collegio Romano 5, ore 19.15
Andrea Damiani, liutista, maestro del Conservatorio di Santa Cecilia, ci accompagnerà, assieme al controtenore Giorgio Carducci e al violinista Valerio Losito, in una conferenza-concerto dedicata ai dipinti musicali di Caravaggio e ai suoi committenti, in un dialogo tra pittura e musica nella Roma di fine Cinquecento.


L’ingresso è gratuito e possibile fino a esaurimento posti
Leggi il PROGRAMMA sul sito di Verderame

26 giu 2013

Caravaggio e il sarto Valentini. Un (ignoto) "San Sebastiano"

 Aktuelle Nachrichten online - FAZ.NET

Oggi in edicola sul «Frankfurter Allgemeine Zeitung», l'articolo di Lothar Sickel Caravaggio beim Schneider, in cui lo studioso espone i risultati delle personali ricerce già presentati nel corso della conferenza Passionen eines Schneiders. Giuseppe Cesari, Pulzone und Caravaggio im Vermächtnis des Antonio Valentini, tenutasi il 25 marzo 2013 a Roma, presso la Biblioteca Hertziana – Max-Planck-Institut für Kunstgeschichte.
Le ricerche di Sickel risultano preziose poichè danno conto di un San Sebastiano di Caravaggio posseduto dal sarto Antonio Valentini, come emerge dal suo inventario e dal testamento risalenti al 1601 e finora ignoti. Valentini, per volontà testamentaria, volle donare il quadro al marchese Asdrubale Mattei con cui era in stretto contatto; ed effettivamente il quadro figura poi nel 1604 negli inventari di Asdrubale, con la stessa attribuizione a Caravaggio. L'opera tuttavia non è stata ancora riconosciuta con certezza.

«Quei capolavori sono di Prato e qui a Prato devono tornare»

Un Lippi, un Caravaggio e un Bellini da Palazzo Alberti a Vicenza per una mostra. E mai tornati: appello alla Provincia


Tre capolavori partiti per Vicenza. E mai tornati. Era il dicembre 2011 quando «Il crocifisso con cimitero ebraico» di Giovanni Bellini, la «Madonna col bambino» del pratese Lippi e la «Coronazione di spine del Caravaggio» sono stati spostati dalla Galleria di Palazzo degli Alberti di Prato per andare in mostra a Palazzo Thiene. Mostra finita a febbraio dello scorso anno, ma le opere sono rimaste lì. Un patrimonio che appartiene alla Banca Popolare di Vicenza, ma che è fiore allo'occhiello della Galleria di Prato da sempre. Così il campanello d'allarme risuona nei banchi del consiglio provinciale quando uno dei membri dell'Udc, Francesco Querci, solleva il caso affinché le opere ritornino «a casa» (approfondisci l'argomento leggendo il pezzo di Giorgio Bernardini su Corriere Fiorentino, oggi in edicola).

24 giu 2013

Il 24 giugno alle 21.30 "CARAVAGGIO CRIMINALE" su SKY ARTE

Direttamente dall'Auditorium Parco della musica, Giancarlo De Cataldo e Claudio Strinati interpretano i processi in cui venne giudicato uno dei piu' grandi geni del Barocco: Caravaggio. Un brutto carattere e la tendenza all'abuso dell'alcool portarono l'artista a un'ispirazione fuori dal comune, come spesso accade, ma anche ad un eccesso di violenza che lo portera' ad uccidere. Un cattivo ragazzo particolare, protetto dal Papa e dall'ordine dei Templari per il suo incredibile talento, dovra' comunque affrontare dei processi per percosse, violenze, diffamazione e omicidio. Giancarlo De Cataldo, magistrato, scrittore e drammaturgo con l'aiuto di Claudio Strinati, uno dei massimi esperti di Caravaggio si confrontano sul palco con prove inedite, notazioni criminologiche e curiosita' sul dibattimento processuale. Nella prima puntata, il processo interpretato e' quello che lo vide ... CONTINUA A LEGGERE SU SKY.IT

21 giu 2013

La musica al tempo di Caravaggio (recensione di Michele Cuppone)

La musica al tempo di Caravaggio, a cura di Stefania Macioce ed Enrico De Pascale per i tipi di Gangemi, è un volume speciale dall'omonimo Convegno Internazionale di Studi tenutosi a Milano nel genetliaco dell'artista, nell'ambito delle celebrazioni per il IV centenario dalla morte e dunque pubblicato anche in tempi piuttosto contenuti e con evidente impegno non comune.
La musica, chiaramente ragione e filo conduttore dell’intero tomo, riacquista tutta l’importanza che in passato le veniva ancor più riconosciuta, non solo come espressione artistica, ma anche quale momento di aggregazione sociale a ogni livello e parte integrante dell’ideale educativo nobiliare. La pubblicazione è ricca di approfondimenti e spunti, presentati da, e solo in apparenza rivolti prioritariamente a differenti categorie di studiosi – in breve e semplificando, storici dell'arte e musicologi – che trovarono un'eccezionale coesistenza nella figura di Franca Trinchieri Camiz, la cui dedizione sembra in qualche modo rivivere e permeare le pagine di quest'opera collettiva. La sintesi e la collaborazione interdisciplinare comunque avvengono ed emergono in più occasioni, talvolta proficuamente frutto dell'incontro diretto in seno al convegno; e si concretizzano soprattutto e simbolicamente nel contributo, a doppia firma, a conclusione del consesso e significativamente dedicato a Baschenis, naturamortista per eccellenza di strumenti musicali ed anzi inauguratore di un genere di grande dignità e fortuna artistica. Ma il volume è arricchito poi in coda – come, è il caso di dire, il bis di un'esibizione concertistica – di ulteriori saggi fuori programma rispetto alla giornata di studi.
Per la numerosità ed eterogeneità dei contributi, arduo è dare conto anche sinteticamente di ognuno, senza scontentare nessuno dei diciotto autori ...

20 giu 2013

Ecco i Caravaggio nascosti (di Fabio Isman)

Sotto il Martirio di San Matteo e la Buona Ventura si celano altre due opere del maestro. Nel primo caso Michelangelo Merisi decise di ricreare totalmente la composizione, mentre nel secondo fu cancellata la figura di una Madonna.
Il risultato delle eccezionali ricerche su 22 dipinti “romani” sarà pubblicato a ottobre in due tomi di ottocento pagine
 




[...] Che sotto il dipinto con la zingara mentre legge la mano al giovane di buona estrazione (lei ha le unghie sporche: «È una rivoluzione», proclamava Emilio Tadini) si celasse il volto di una Madonna, già si sapeva da tempo. «Si pensava opera del Cavalier d’Arpino, dal quale Caravaggio è stato per breve tempo», racconta Vodret. «Invece, la particolare preparazione della tela, finalmente studiata, mostra una identità con quelle di Caravaggio a quei tempi. In più, grazie agli studi di Giorgio Leone, sappiamo che non è del Cavalier d’Arpino, come si credeva, ma era certamente nella bottega di Lorenzo Carli: il pittore siciliano da cui Caravaggio vive subito a Roma». Insomma, si può affermare che, con ogni probabilità, la Madonna cancellata è sua: il solo quadro noto dei primissimi tempi di vita nell’Urbe. E Alessandro Zuccari ne ha anche ritrovato un’antica incisione, da cui deriva un’immaginetta devozionale ...

Leggi l'intero articolo

19 giu 2013

Il Mistero di Caravaggio a Palermo (da "Palermo Viva")

Nativita_con_i_santi_Francesco_e_Lorenzo Giovan Pietro Bellori, insieme ad altri biografi dei secoli passati, aveva sostenuto che la Natività di Palermo era stato commissionato nel 1609 dalla Compagnia dei Bardigli e dei Cordiglieri, ipotizzando un presunto soggiorno palermitano del pittore. Ma di questa commessa non esistono documenti e dal confronto con i quadri eseguiti in Sicilia nello stesso anno a Messina e Siracusa si notano differenze stilistiche così evidenti che si sta facendo sempre più strada l’ipotesi che questo quadro sia stato dipinto nel periodo romano e dunque intorno al 1600 ... 

Leggi l'intero articolo su PALERMO VIVA

18 giu 2013

Rimettiamo al suo posto il Matteo di Caravaggio, di Pietro Caiazza (contributo esclusivo per C400)



Spesso le interpretazioni che vogliono innovare espongono i capolavori dell’arte ad ulteriori incomprensioni.

LEGGI L'INTERO ARTICOLO QUI
 
 

RIMETTIAMO AL SUO POSTO IL MATTEO DI CARAVAGGIO, di Pietro Caiazza 

 Un recente volumetto (Caravaggio. Dov’è Matteo. Un caso critico nella Vocazione di San Luigi dei Francesi, a cura di M. Cecchetti, Milano, Medusa Edizioni, 2012), nel tradurre e raccogliere cinque contributi relativi al dipinto che Caravaggio realizzò per la cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi a Roma tra il 1599 ed il 1600 ed al personaggio di Matteo in specie, ha riportato d’attualità una vecchia tesi di Andreas Prater del 1985, secondo la quale il personaggio di Matteo non sarebbe – come si era sempre creduto – l’uomo barbuto al centro del tavolo, bensì il giovane a testa bassa a capotavola che conta il denaro.

L’ipotesi parte sostanzialmente da due presupposti: il primo dei quali concerne il dito indice sinistro dell’uomo barbuto, che Prater ritiene rivolto dal personaggio non a sé stesso, bensì appunto al giovane a capotavola (non dunque un «Chi? Io?», bensì un «Chi? Lui?»); il secondo dei quali è che questo giovane stia contando avidamente le monete, e sarebbe per di più un vero truffatore, giacché addirittura farebbe astutamente sparire parte del denaro che estorce all’uomo barbuto, il quale ultimo starebbe ponendo – secondo codesta lettura – appunto le monete sul tavolo.
La conclusione di Prater è in sostanza che Caravaggio abbia voluto giocare un tiro mancino a tutti gli osservatori del dipinto, lasciando individuare ed interpretare per Matteo l’uomo barbuto, che funzionerebbe però come una sorta di «figura-alibi», mentre invece il vero Matteo sarebbe il giovane che non degna nemmeno di uno sguardo Gesù che lo chiama.
Il dibattito, sviluppatosi dopo l’articolo di Prater, ha registrato consensi e dissensi, da Kretschmer (che nel 1988 si dichiarava non convinta dall’ipotesi) ad Hass (che invece ancora nel 1988 concordava con Prater) fino a Röttgen che nel 1991, con robuste argomentazioni, ha rifiutato la lettura di Prater, ritenendo invece che il giovane a capotavola sia un «avaro» che non vuole pagare quanto da lui dovuto, al punto da nascondere le monete sotto il gomito.
Salvatore Settis, recensendo il volumetto su Il Sole 24 Ore del 13 gennaio 2013, sembra aver in sostanza sposato la tesi di Prater, ed ha aggiunto, sulla scorta del contributo di Levin, parimente presente nel volumetto, che quella figura del giovane a capotavola (intesa come l’avido pubblicano, Matteo) deriverebbe da una nota xilografia di Hans Holbein (il Giovane) del 1538, relativa all’uomo che per accumulare ricchezze perde la sua anima.
Considerato però che la riattualizzazione dei problemi interpretativi relativi alla Vocazione di Caravaggio corre il rischio di avallare e diffondere letture forse non giustificate dal dipinto, e contemporaneamente – il che è più preoccupante – di far smarrire il più autentico e ben più profondo significato dell’evento come ricostruito da Caravaggio nel suo capolavoro, sarà opportuno avanzare qui brevemente alcune considerazioni ...

CONTINUA A LEGGERE QUI

17 giu 2013

Rinvio conferenza di Settis su "Caravaggio e l'Antico"

La conferenza Caravaggio e l’Antico, programmata per il 19 giugno nell'ambito de I Dialoghi dell'Arte, a cura del prof. Salvatore Settis, è rinviata al mese di settembre in occasione della conclusione del progetto.
Pubblicheremo quanto prima la data stabilita.
Rimane confermato il concerto di Andrea Damiani La Musica tra Caravaggio e Vasari, il 3 luglio, ore 19.15.

04 giu 2013

VIDEO - Presentazione del volume «L’essercitio mio è di pittore». Caravaggio e l’ambiente artistico romano


Disponibile on line il video della presentazione del volume «L’essercitio mio è di pittore». Caravaggio e l’ambiente artistico romano (a cura di Francesca Curti, Michele Di Sivo, Orietta Verdi), tenutasi a Palazzo Barberini il 14 maggio 2013.












GUARDA IL VIDEO INTEGRALE

Guarda una preview


Saluti:
     0:00 Anna Lo Bianco (direttrice della Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini)
     1:23 Eugenio Lo Sardo (direttore dell’Archivio di Stato di Roma)
    11:18 CARLO M. TRAVAGLINI (presidente del CROMA e direttore di RMC)

Relatori:
    14:28 MINA GREGORI (storico dell’arte)
    26:50 IRENE FOSI (storico)
    44:35 E. Lo Sardo
    45:19 ALESSANDRO ZUCCARI (storico dell’arte)
 1:02:16 E. Lo Sardo
 1:05:38 CLAUDIO STRINATI (storico dell’arte)

Ringraziamenti dei curatori
 1:50:00 ORIETTA VERDI
 1:52:26 MICHELE DI SIVO
 1:57:38 FRANCESCA CURTI

30 mag 2013

Mostra di Michelle Rogers "Divino Amore: Omaggio a Caravaggio” (Siracusa, dal 2 giugno)


Siracusa, il 2 giugno l'inaugurazione della mostra di Michelle Rogers "Divino Amore: Omaggio a Caravaggio”
A partire dal 2 giugno, la mostra dell’artista Michelle Rogers “Divino Amore: Omaggio a Caravaggio”, sarà visibile presso la Galleria Civica d’Arte Contemporanea Montevergini a Siracusa. Saranno esposti venti dipinti a olio, cinque dei quali sono lavori su larga scala, che esprimono un omaggio non-convenzionale a Caravaggio, proprio vicino alla chiesa che ospita uno dei suoi capolavori ...

Continua a leggere su Siracusa News

29 mag 2013

Porto Ercole: via libera alla Fondazione Caravaggio

Porto Ercole, tutto pronto per il maxiprogetto che ruoterà attorno al celebre pittore: mausoleo, mostre e viaggi virtuali

PORTO ERCOLE. Puntare sul turismo culturale, sviluppare attorno a Porto Ercole e ai luoghi simbolo del suo più illustre ospite, Caravaggio, un polo attrattivo di rilievo internazionale. Silvano Vinceti, presidente del comitato nazionale per la valorizzazione dei beni storici, culturali e ambientali, ne è convinto ...

Continua a leggere su Il Tirreno

27 mag 2013

Caravaggio dà il benvenuto alla Croazia (da La Stampa)

"La cena in Emmaus" della Pinacoteca di Brera sarà esposta a Zagabria dal 5 giugno al 31 agosto prossimi. La ''Cena in Emmaus'', il dipinto realizzato nel 1606 dal Caravaggio, dal 5 giugno prossimo sarà esposto al Museo per le arti e l'artigianato di Zagabria, in segno di benvenuto da parte dell'Italia alla Croazia che a luglio farà il suo ingresso nell'Unione europea. Il capolavoro del Caravaggio, nella versione conservata alla Pinacoteca di Brera a Milano (un'altra è alla National Gallery di Londra) sarà un delle piu' celebri e importanti opere d'arte classica mai esposte in Croazia. La tela, resterà in prestito presso il museo croato situato nel centro di Zagabria fino al prossimo 31 agosto. (fonte "LA STAMPA")

25 mag 2013

INCONTRO (Roma, 29 maggio) - Caravaggio, Vasari: il confronto


La Maddalena Penitente

29 Maggio – Santa Marta – Piazza del Collegio Romano 5, ore 18.15

Lorenzo Pericolo storico dell’arte e professore presso l’Univerisità di Warwick, specialista della pittura di Caravaggio e Maria Clelia Galassi storica dell’arte, professoressa presso l’Università di Genova ed esperta di studi sul disegno attraverso le indagini tecniche, metteranno a confronto i due artisti

Leggi la news sul sito di Verderame

17 mag 2013

Claudio Strinati sulla dispersa "Natività con i santi Lorenzo e Francesco" di Palermo

Miniatura

Il professore Claudio Strinati presenta le recenti acquisizioni sulla dispersa "Natività con i santi Lorenzo e Francesco" di Caravaggio (già Palermo, oratorio di San Lorenzo), che avvalorano la tesi secondo cui la tela sarebbe stata dipinta a Roma nel 1600 (e non a Palermo nel 1609, come tradizionalmente ritenuto), ordinata dal commerciante Fabio Nuti che era in relazioni con l'oratorio palermitano.

L'intervento si è tenuto il 14 maggio 2013 a Palazzo Barberini, per la presentazione del volume «L'essercitio mio è di pittore». Caravaggio e l'ambiente artistico romano, a cura di F. Curti-M. Di Sivo-O. Verdi.

A breve, sarà disponibile on line l'intera ripresa video della presentazione

GUARDA IL VIDEO


Appello del sindaco Briganti al ministro Bray: “Il Caravaggio torni a Carpineto Romano”

Il San Francesco in meditazione di Caravaggio
CARPINETO ROMANO [...] Il Caravaggio conteso. La tela del pittore maledetto è ritornata alla ribalta nel 2010, anno delle celebrazioni per i quattrocento anni della morte dell’artista, quando è stata portata in giro per il mondo in una serie ininterrotta di mostre facendo ritorno a carpineto Romano per soli dieci giorni nel settembre di tre anni fa” – spiega il sindaco ...

Continua a leggere su Italiavirtualtour.it

07 mag 2013

PRESENTAZIONE 14 maggio a Palazzo Barberini - «L’essercitio mio è di pittore». Caravaggio e l’ambiente artistico romano


Martedì 14 maggio viene presentato a Roma, palazzo Barberini, salone Pietro da Cortona, h. 17,00, un nuovo volume dedicato a Caravaggio e ai suoi legami con gli artisti, i mercanti d’arte, i collezionisti che l’artista incontrò al suo arrivo a Roma («L'essercitio mio è di pittore». Caravaggio e l'ambiente artistico romano, a cura di Francesca Curti, Michele Di Sivo e Orietta Verdi, ed. Università Roma Tre-CROMA, pp. 424).

L’opera propone una serie di approfondimenti fondati su indagini documentarie e storico-artistiche condotte da 18 studiosi. I saggi ricostruiscono per un verso il fitto intreccio di relazioni professionali nate nelle botteghe di pittura romane con le quali Caravaggio al suo esordio entrò in contatto, per l’altro si concentrano su alcune opere di Caravaggio, o a lui attribuite (la dispersa Natività di Palermo, il Ritratto di Paolo V Borghese) e su dipinti di artisti che, come Giovanni Baglione, con l’artista lombardo si contesero committenze e fama.

Saluti Carlo M. Travaglini, Eugenio Lo Sardo
Intervengono Irene Fosi, Mina Gregori, Claudio Strinati, Alessandro Zuccari

scarica l'invito

Federico Unia // Famelici


Federico Unia ha dedicato due opere di grandi dimensioni – 200X300 cm – al Caravaggio approfondendo in particolare la “Vocazione di San Matteo” e la “Cena in Emmaus” a cui si aggiunge e si sovrappone la presenza di “Amor sacro e amor profano” di Giovanni Baglione ...
Guarda la galleria