24 apr 2013

Intervista a Rossella Vodret (da NEWS-ART.it)

Rossella_Vodret(3)D. Dottoressa Vodret, Caravaggio e i caravaggeschi sono stati e sono al centro dei suoi studi. Le chiedo un bilancio critico di questo fenomeno la cui fortuna critica si direbbe inarrestabile.
R. Mi sono dedicata a questo argomento da quando mi sono laureata negli anni '70 con Cesare Brandi con un tesi su un caravaggesco senese, Francesco Rustici. Da lì ho continuato in questa direzione, proseguendo gli studi che, allora, in questo campo erano dominati dalla figura di Longhi, grandissimo storico dell’arte che però non aveva a disposizione tutti gli strumenti che abbiamo oggi e quindi, per quanto la sua figura resti assolutamente autorevole, alcune delle sue attribuzioni vanno riviste alla luce delle nuove scoperte della critica e soprattutto dei grandi progressi che le indagini diagnostiche hanno fatto negli ultimi tempi.

D. Sugli esordi di Caravaggio tra gli studiosi ci sono ancora molte incertezze, anche alla luce dei nuovi documenti trovati da Francesca Curti all’Archivio di Stato. Qual è il suo pensiero in proposito?

R. Stiamo tutti cercando di dare un senso a questi documenti, che sono abbastanza complicati da capire. Dopo un primo momento di spaesamento, gli specialisti sono impegnati, ognuno con i suoi ragionamenti, a inserire le complesse vicende biografiche e le opere dei primi anni di Caravaggio a Roma dentro una stretta griglia documentaria. Un  documento inequivocabile  impone, infatti, di datare entro la Quaresima del 1596 l’apprendistato di Caravaggio presso la bottega del pittore Lorenzo Carli – il quale, secondo le fonti biografiche, fu  il primo contatto romano del pittore lombardo ...

Continua a leggere su NEWS-ART

Nessun commento:

Posta un commento