07 mar 2017

"Iconografia di un santo. Il San Girolamo di Caravaggio a Milano", di Michele Cuppone


Ancora pochi giorni per visitare la mostra presso la Pinacoteca Ambrosiana, Milano – prorogata fino al 12 marzo. Un capolavoro dell’ultimo Caravaggio romano, il San Girolamo scrivente, sostituisce temporaneamente la Canestra di frutta in prestito alla Galleria Borghese. Intorno a esso una serie di disegni testimoniano la fortuna iconografica del santo nell’arco di tre secoli. 


Un simbolico quanto singolare scambio temporaneo di capolavori caravaggeschi, a distanza di spazio e di tempo (Roma e Milano dopo quattro secoli), fra due cardinali che pure diversissimi furono tra loro come personalità – diversità sulla quale trionfa, nella sua unità, la grandezza spirituale dell’arte di Caravaggio, come scrive per l’occasione Anna Coliva. Mentre infatti la Canestra di frutta un tempo appartenuta a Federico Borromeo, dalla Pinacoteca Ambrosiana è andata alla Galleria Borghese per una mostra sulla natura morta, da qui ha fatto il percorso inverso il San Girolamo scrivente già di Scipione Borghese, per divenire perno di un’esposizione sull’iconografia del santo dottore della Chiesa. Sobria – in sintonia con la vita di asceta e studioso di Girolamo, probabilmente meno conosciuta di appuntamenti caravaggeschi recenti o concomitanti (tra i quali Attorno a Caravaggio a Brera e Artemisia Gentileschi e il suo tempo a Roma), eppure di un certo interesse e non solo più banalmente per l’arrivo di un Merisi in città. 

Il San Girolamo scrivente di Caravaggio 
Il San Girolamo scrivente di Caravaggio è ancora un’altra delle sue potenti invenzioni, capace egli com’era sempre di rinnovare, semplificando al tempo stesso, iconografie consolidate. Originale qui il formato e la concezione spaziale tutte in orizzontale, con i due fulcri della composizione costituiti dalla testa del santo e dal teschio, in un dialogo muto tra gli stessi. Il quadro, basato su una tavolozza essenziale dove predomina il rosso della veste sugli altri toni più neutri o spenti, è ancor meno convenzionale della già mirabile versione di Montserrat e per molti versi considerata suo “clone”. Entrambe sono datate tra maggio 1605 e maggio 1606, vale a dire all’ultimo anno del glorioso soggiorno romano del pittore, finito rovinosamente con il ferimento mortale di un suo rivale, che gli costò la fuga dall’Urbe e l’inizio di una fase artistica comunque feconda e stilisticamente differente. Peraltro, egli dipingerà ancora un altro e ben diverso San Girolamo a Malta, mentre almeno un altro paio di versioni, a Napoli e a Messina, sono ricordate dalle fonti ma ancora da rintracciare [...]

link:

Nessun commento:

Posta un commento