Il blog CARAVAGGIO400, fondato nel 2009 da Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico in occasione del quarto centenario della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, ha l'intenzione di attivare e creare un punto di approfondimento e discussione sull'opera di uno dei più grandi maestri della pittura seicentesca di cui far conoscere principalmente la sua opera e la sua arte ancor più che la sua vita e biografia, su cui troppo spesso si è concentrata l'attenzione dei media trascurando l'innovazione e il genio del grande pittore. Invitiamo tutti gli studiosi, appassionati e chiunque voglia dare un suo contributo ad inserire commenti e inviare segnalazioni a questo blog.




A cura di Michele Cuppone, Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico (pagina Fb a cura di Claudio Ferranti )

9 mag 2019

"Le ‘sette’ opere di Caravaggio a Napoli, in mostra a Capodimonte", recensione su Finestre sull'Arte



Titolo sintetico, mostra ricca. Caravaggio Napoli, a cura di Maria Cristina Terzaghi e Sylvain Bellenger, intende esplorare la pittura di Caravaggio e il suo seguito napoletano a partire dai “18 mesi” vissuti in città dall’artista, in due fasi. La prima, con inizio tra 23 settembre e 6 ottobre 1606 e termine immediatamente successivo al 24 giugno 1607 benché ignoto puntualmente (ma in catalogo si parla della giornata stessa del 24, o del 25); la seconda con inizio, ci viene narrato, precedente al 24 ottobre 1609 e conclusione nell’estate 1610 (certamente successiva all’11 maggio e precedente al 18 luglio). E qui però vi è un’altra svista: nessuno degli studiosi coinvolti deve aver assimilato appieno le novità della mostra del 2011 presso l’Archivio di Stato di Roma, in cui si chiariva come la data di ottobre si riferisca ad altro documento, mentre di sicuro c’è che Merisi era nuovamente nella capitale vicereale in data (comunque prossima) 7 novembre. 
Al di là di tale premessa di inquadramento cronologico, che interesserà e su cui si appuntano più gli specialisti, sono sei i dipinti del maestro portati in Sala Causa (per un settimo, si veda più avanti). Forse per la prima volta in una grande retrospettiva, dopo quella del 2010 presso le Scuderie del Quirinale, tutti di indubbia autografia. Ed eccoli dunque: le due Flagellazioni di Napoli e Rouen, le due Salomè con la testa del Battista di Madrid e Londra, il San Giovanni Battista della Borghese, il Martirio di sant’Orsola. Molto si è scritto negli ultimi tempi sulla ’vera’ Maddalena in estasi, di cui le versioni più accreditate erano state portate a Parigi in una mostra, Caravage à Rome. Amis et ennemis, cui aveva preso parte la curatrice di Caravaggio Napoli. Ricordando che, in tale occasione, la stessa si era guardata dall’esprimersi in proposito (comunque una delle due versioni è stata attribuita dall’autorevole Mina Gregori), la diatriba viene ora messa a tacere portando a Capodimonte due copie dichiarate. A ogni modo si apprezza l’adozione della nuova cronologia del prototipo merisiano, 1610 anziché 1606 e dunque in un certo senso un’aggiunta al periodo napoletano, anche se su questo permane un certo disaccordo in catalogo, tra la curatela e l’autore di una scheda (come non dare ragione alla prima!).
Se evidentemente la Galleria Borghese non ha potuto prestare un secondo dipinto, il David con la testa di Golia che significativo sarebbe stato per il percorso espositivo, difficile è restare insensibili all’assenza di due capolavori, che avrebbero reso pressoché esaustiva l’illustrazione del percorso napoletano ed eccezionale la portata dell’evento. Parliamo della Negazione di Pietro e della Crocifissione di sant’Andrea, almeno quest’ultima grande assente giustificato: essa deve essere considerata inamovibile dal museo di Cleveland, per la sua fragilità e tenendo conto che è reduce da un lungo e delicato intervento di restauro (documentato dal video proiettato in una saletta). Attorno alla sua presenza ideale è comunque incentrata una specifica sezione, con dipinti in qualche modo a essa ispirati (ma non sembra essere il caso del Martirio di san Sebastiano di Hendrick van Somer). Nella stessa sala, peraltro, l’analogo soggetto di Louis Finson da Rougiers, esposto per la prima volta dopo un restauro. Sulla base dell’iscrizione in un cartiglio dipinto, di difficoltosa lettura nell’ultima cifra, è datato 1610; o alternativamente 1615, il che a ben vedere è improbabile (semmai l’ultimo carattere poteva sembrare un 6: comunque un segno circolare appare evidente). Tornando sulla Negazione di Pietro, si registra ora un’audace ipotesi che la vorrebbe presente nell’ultimo viaggio di Caravaggio da Napoli a Porto Ercole. L’idea non è supportata da fonte alcuna e anzi le evidenze documentarie vanno in direzione opposta, però tanto basta per aver creato un precedente di cui non si sentiva bisogno, nella narrazione della biografia caravaggesca; che, specie a livello di divulgazione, non attende altro che alimentarsi di nuove ipotesi, anche le più inverosimili, purché affascinanti e appunto ’originali’. È trascurata inoltre l’ipotesi di Maurizio Marini, pubblicata postuma nella monografia dell’altrettanto compianto e massimo studioso del Caravaggio napoletano Vincenzo Pacelli, secondo cui si può dubitare sulla presenza nel viaggio di ritorno a Roma di almeno uno tra i tre dipinti che vi erano secondo la tradizione (due San Giovanni e una Maddalena). 
Abbiamo parlato dei dipinti autografi assenti. Un discorso a parte meritano le Sette opere di misericordia, che non si è potuta spostare dal Pio Monte della Misericordia, con strascico di polemiche non ancora sopite [...]

link:


Nessun commento:

Posta un commento