Il blog CARAVAGGIO400, fondato nel 2009 da Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico in occasione del quarto centenario della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, ha l'intenzione di attivare e creare un punto di approfondimento e discussione sull'opera di uno dei più grandi maestri della pittura seicentesca di cui far conoscere principalmente la sua opera e la sua arte ancor più che la sua vita e biografia, su cui troppo spesso si è concentrata l'attenzione dei media trascurando l'innovazione e il genio del grande pittore. Invitiamo tutti gli studiosi, appassionati e chiunque voglia dare un suo contributo ad inserire commenti e inviare segnalazioni a questo blog.

A cura di Michele Cuppone, Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico | CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION

29 lug 2012

È uscito il romanzo “Il sogno di Caravaggio” di Rossella Montecchi (da NewsSpettacolo.com)

Si infittisce il mistero che aleggia intorno al Maestro della pittura italiana, Michelangelo Merisi da Caravaggio. Dopo il ritrovamento di un centinaio di opere inedite tra le province di Milano e Bergamo poche settimane fa, cresce l’interesse degli studiosi verso la vita e la produzione artistica di uno dei più grandi pittori italiani di sempre. Se la comunità degli storici dell’arte si sta tuttora interrogando sulla reale paternità dei disegni rinvenuti, “Il sogno di Caravaggio”, a firma di Rossella Montecchi, si inserisce a pieno titolo tra le numerose ipotesi che riguardano la sua esistenza. Il romanzo storico costruito con rara maestria e basato su solidi studi, indaga sul mistero della morte di Caravaggio. L’autrice ne posticipa la data di un anno e offre, in questo breve lasso di tempo, la possibilità di una seconda vita all’eccelso Maestro. E se Michelangelo Merisi da Caravaggio, quel lontano 18 luglio 1610, non fosse morto? Se, ferito e febbricitante, fosse stato trovato sulla sabbia del Tombolo della Feniglia da un’affascinante quanto misteriosa giovinetta in grado di riportarlo in salute?  ..... CONTINUA A LEGGERE SU "NEWSPETTACOLO.COM"

Nessun commento:

Posta un commento