Il blog CARAVAGGIO400, fondato nel 2009 da Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico in occasione del quarto centenario della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, ha l'intenzione di attivare e creare un punto di approfondimento e discussione sull'opera di uno dei più grandi maestri della pittura seicentesca di cui far conoscere principalmente la sua opera e la sua arte ancor più che la sua vita e biografia, su cui troppo spesso si è concentrata l'attenzione dei media trascurando l'innovazione e il genio del grande pittore. Invitiamo tutti gli studiosi, appassionati e chiunque voglia dare un suo contributo ad inserire commenti e inviare segnalazioni a questo blog.




A cura di Michele Cuppone, Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico (pagina Fb a cura di Claudio Ferranti )

26 lug 2018

"Caravaggio e i suoi". Escono gli atti delle Giornate di Studi



Finalmente disponibili gli atti delle Giornate di Studi "Caravaggio e i suoi", a cura di Pierluigi Carofano (Felici Edizioni, Pisa, 2017). Le Giornate si erano svolte presso il Palazzo Museo Bourbon del Monte di Monte Santa Maria Tiberina, l'8-9 ottobre 2016
Almeno sette i contributi a tema più strettamente merisianoEmilio Negro, rilegge la partitura musicale del Suonatore di liuto; Michele Cuppone, getta nuova luce sulla collezione di Ottavio Costa rivedendo alcune cronologie; Enrico Lucchese, si sofferma sulla figura di Francesco Sessa, padrino di battesimo di Merisi, e sui legami di quest'ultimo con l'area veneta; Francesca Curti, indaga i rapporti del pittore con botteghe d'arte e committenze a Roma e in particolare intorno alla Natività di Palermo; Mario Marubbi, pubblica una copia del San Francesco in preghiera di Cremona; Nicosetta Roio, immagina un arrivo pressoché in contemporanea di Caravaggio e di Mario Minniti a Roma intorno al 1595; Stefania Macioce, presenta un indizio sull'autografia o meno della discussa Giuditta di Tolosa.

Il volume è acquistabile su Libro Co., Art & LibriVita e Pensiero e Artbooks., oppure contattando Merigo Art Books.


link: 

Nessun commento:

Posta un commento