Il blog CARAVAGGIO400, fondato nel 2009 da Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico in occasione del quarto centenario della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, ha l'intenzione di attivare e creare un punto di approfondimento e discussione sull'opera di uno dei più grandi maestri della pittura seicentesca di cui far conoscere principalmente la sua opera e la sua arte ancor più che la sua vita e biografia, su cui troppo spesso si è concentrata l'attenzione dei media trascurando l'innovazione e il genio del grande pittore. Invitiamo tutti gli studiosi, appassionati e chiunque voglia dare un suo contributo ad inserire commenti e inviare segnalazioni a questo blog.

7 mag 2018

Relazione sul furto della "Natività" del Caravaggio: finalmente consultabile il documento integrale



Finalmente consultabile la relazione sul furto della Natività del Caravaggio, redatta dalla Commissione parlamentare antimafia della XVII legislatura. Il documento, approvato il 21 febbraio 2018, non era stato subito diffuso online. Alcune anticipazioni erano state comunque date peraltro in un articolo apparso sul primo numero di The Art Newspaper Daily (LINK) e poi, più dettagliatamente, in un altro pubblicato su ilsussidiario.net (LINK).
La relazione - Doc. XXIII, n. 44 - pur secretando alcune informazioni utili al prosieguo delle indagini, fornisce molti dettagli relativi ai primi sei mesi circa dalla sparizione del quadro, precisando il contesto in cui avvenne, gli attori coinvolti e i primi spostamenti dell'opera trafugata, prima della partenza alla volta della Svizzera.
Se dopo quasi mezzo secolo dall'ottobre 1969 si è tornati a parlare, più concretamente, di quanto avvenuto all'epoca, si deve certamente alla Commissione parlamentare antimafia presieduta da Rosy Bindi. Essa ha difatti inteso assumere un'autonoma iniziativa di indagine volta a dare un nuovo impulso per la ricostruzione dei fatti e, da qui, eventualmente, per la ripresa delle ricerche di un’opera di elevato valore simbolico anche per la lotta alla mafia.

link:



Nessun commento:

Posta un commento