Il blog CARAVAGGIO400, fondato nel 2009 da Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico in occasione del quarto centenario della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, ha l'intenzione di attivare e creare un punto di approfondimento e discussione sull'opera di uno dei più grandi maestri della pittura seicentesca di cui far conoscere principalmente la sua opera e la sua arte ancor più che la sua vita e biografia, su cui troppo spesso si è concentrata l'attenzione dei media trascurando l'innovazione e il genio del grande pittore. Invitiamo tutti gli studiosi, appassionati e chiunque voglia dare un suo contributo ad inserire commenti e inviare segnalazioni a questo blog.




A cura di Michele Cuppone, Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico (pagina Fb a cura di Claudio Ferranti )

20 dic 2016

Buona Natività da Caravaggio400



La redazione di Caravaggio400 augura Buon Natale con un quadro emblematico di Caravaggio, la Natività di Palermo.

Il quadro, rubato nel 1969, è stato oggetto di ricerche recenti e di alcune in corso di pubblicazione, che lo riferiscono con sicurezza tra 5 aprile e 20 novembre 1600 e dunque agli anni romani, sulla base di documenti vecchi e nuovi, delle indagini diagnostiche e della rilettura critica delle fonti, oltre che dell’analisi stilistica e iconografica

Da ultimo, durante il suo intervento Painting from Life: from Caravaggio to Valentin de Boulogne, nell’ambito delle giornate di studio Beyond Caravaggio tenutesi alla National Gallery di Londra il 17-18 novembre 2016, Keith Christiansen si è così espresso sul tema: 

«[The Nativity with Saints Francis and Lawrence] has often but almost certainly wrongly been considered the virtually contemporary painting [to the Adoration of the shepherds]I agree with a number of scholars that the picture must date from Caravaggio’s Roman period»

(«[La Natività con i santi Lorenzo e Francesco] è stata spesso considerata, ma quasi certamente a torto, un dipinto pressoché contemporaneo [all’Adorazione dei pastori] … sono d’accordo con un certo numero di studiosi che il quadro debba datarsi al periodo romano di Caravaggio»).

Resta comunque sempre viva la speranza che, a quasi mezzo secolo dalla scomparsa, il capolavoro venga restituito alla collettività.


Nessun commento:

Posta un commento