Il blog CARAVAGGIO400, fondato nel 2009 da Massimo D'Alessandro e Nicoletta Retico in occasione del quarto centenario della morte di Michelangelo Merisi da Caravaggio, ha l'intenzione di attivare e creare un punto di approfondimento e discussione sull'opera di uno dei più grandi maestri della pittura seicentesca di cui far conoscere principalmente la sua opera e la sua arte ancor più che la sua vita e biografia, su cui troppo spesso si è concentrata l'attenzione dei media trascurando l'innovazione e il genio del grande pittore. Invitiamo tutti gli studiosi, appassionati e chiunque voglia dare un suo contributo ad inserire commenti e inviare segnalazioni a questo blog.

29 nov 2018

Nuovo volume "Nel segno di Caravaggio" e lezione di Stefano Zuffi, a Milano l'11 dicembre

Lezione del prof. Stefano Zuffi su Michelangelo Merisi da Caravaggio, martedì 11 dicembre alle 18:30 presso il Museo della Permanente di Milano (via Turati, 34)


Pittore e assassino sullo sfondo solenne della Roma del primo Seicento, Caravaggio (1571-1610) è uno degli artisti più appassionanti e potentemente espressivi: protagonista di una vera e propria Odissea mediterranea, ma insieme capace di rivoluzionare il corso della pittura europea. 
Il volume vuole avvicinarci a questo maestro dell’arte italiana da un punto di vista nuovo. Rinunciando per una volta alla consueta sequenza cronologica, le opere di Caravaggio sono qui considerate nel loro insieme, nei due decenni a cavallo dell’anno 1600. 
Di capitolo in capitolo, osserveremo aspetti particolari dell’arte del pittore milanese: la presenza di modelli ricorrenti, la passione per lame e pugnali, l’ossessione per le teste mozzate, l’eccezionale e pionieristica abilità nella natura morta, e così via. 
Fra le luci e le ombre di una pittura appassionata, Caravaggio ci chiama sulla scena, coinvolgendoci in un fatto che si sta compiendo hic et nunc, qui e adesso, sotto i nostri occhi. La sua pittura entra nella nostra vita. 

Storico dell’arte, Stefano Zuffi si occupa del periodo tra Rinascimento e Barocco. È autore di oltre cento pubblicazioni, in particolare su Dürer, Michelangelo, Rembrandt, Vermeer, Tiziano e Caravaggio (fonte: comunicato)

link:




Nessun commento:

Posta un commento